Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
striscia la notizia claudio baglioni

“Tutto sequestrato”. Striscia la Notizia, mazzata epocale per Ricci, Greggio e Iacchetti: la conferma poco fa

Striscia la Notizia, la querela pesa sulle spalle del tg satirico di Antonio Ricci. A sporgere querela per diffamazione proprio Claudio Baglioni, poi la notizia che darebbe ragione al cantante. Tutto ha avuto inizio da un ebook dal titolo “Tutti poeti con Claudio” che è risultato disponibile sul sito del tg satirico.

In seguito alla querela esposta da Claudio Baglioni circa la dispensa resa disponibile sul sito di Striscia in versione ebook, il sequestro del libro e l’obbligo per Striscia la Notizia di non poter più rendere disponibile il prodotto per il download. Sarebbe stata questa la decisione del Gip di Monza, che ha disposto che il libro non fosse più scaricabile dal sito del tg satirico.

Striscia la Notizia Claudio Baglioni querela diffamazione replica Antonio Ricci decisione


Striscia la Notizia, la conferma dopo la querela

Secondo quanto riportato su Il Corriere della Sera, nell’inchiesta al momento risulterebbero indagati Antonio Ricci, i due conduttori Ezio Greggio e Enzo Iacchetti e Antonio Montanari, conosciuto come Mago Casanova. L’accusa sarebbe stata quella di aver usato termini riferiti a Claudio Baglioni tali da “farlo passare come disonesto, che copia senza dirlo”. (Striscia la Notizia, nuovo cambio alla conduzione).

Striscia la Notizia Claudio Baglioni querela diffamazione replica Antonio Ricci decisione

Nessun plagio per il Gip da parte di Claudio Baglioni, posto che dal decesso ad oggi degli autori delle poesie, messe a confronto con i testi di Baglioni, sarebbero trascorsi più di 70 anni, con caduta dei diritti d’autore. E nell’ordinanza si legge che Striscia la Notizia non può appellarsi al diritto di satira per un motivo ben preciso. (Lutto per Claudio Baglioni, una foto e il doloroso addio).

Striscia la Notizia Claudio Baglioni querela diffamazione replica Antonio Ricci decisione

“Presuppone che il fatto su cui si satireggia sia vero. Non può dirsi che Claudio Baglioni sia un ‘plagiaro’ (perlomeno, non per tutte le citazioni addebitategli), né che egli occulta sistematicamente e fraudolentemente i presunti plagi al pubblico, in parte perché non sempre può dirsi che abbia davvero copiato gli altri, in parte perché ha comunque ammesso talvolta di citare le opere altrui”.

Al contempo, sempre su Il Corriere, si apprende la replica di Antonio Ricci sul caso di Claudio Baglioni: “Noi non abbiamo offeso nessuno. Abbiamo raccolto e verificato le segnalazioni di spettatori e fan pentiti. I giudici stabiliranno se siamo nei limiti della satira. Per me si tratta di una manovra intimidatoria di Baglioni nei confronti di una libera trasmissione”.

E ancora: “È una questione di libertà. Tutto si può toccare, tranne il divino Baglioni? E no! La satira è essenziale nel viver civile. Tutto quello che c’è nel libro è vero. E poi non lo abbiamo accusato di plagio, ma più elegantemente di amnesia verso le fonti”.

“Aggredito al bar”. Matteo Bassetti, l’agguato in centro durante l’aperitivo con la moglie


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004