Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Conduttrice del Tg1 denuncia la Rai daniela mondini

“Peti e rutti, la mia punizione”. Choc in Rai, la denuncia della giornalista del Tg1. I vertici tremano

Conduttrice del Tg1 denuncia la Rai. Dania Mondini ha denunciato i suoi superiori, che per punirla l’avrebbero messa in una stanza con un collega che ha problemi di flatulenza ed eruttazioni. La Procura di Roma e il pubblico ministero hanno aperto un fascicolo per stalking e nel mirino ci sono cinque “giornalisti-dirigenti”.

Si tratta di Filippo Gaudenzi, Marco Betello, Piero Felice Damosso, Andrea Montanari e Costanza Crescimbeni, che nel 2018, all’epoca dei fatti denunciati dalla giornalista del telegiornale, ricoprivano ruoli di vertice nel tg della rete ammiraglia del servizio pubblico.

Conduttrice del Tg1 denuncia la Rai daniela mondini


Conduttrice del Tg1 denuncia la Rai

Come riporta il quotidiano Repubblica, secondo il racconto della giornalista del Tg1 che ha denunciato la Rai, dopo alcuni problemi con i superiori, l’avrebbero punita mettendola in stanza con un collega che non riesce a trattenere rutti e peti. Al suo “No” le sarebbero stati assegnati servizi brevi e banali e sarebbe stata oggetto di aggressioni verbali per piccoli errori durante la conduzione del Tg1.

A questo punto la giornalista del Tg1 denuncia la Rai in procura, portando che referti medici che provano lo stress patito a causa dei demansionamenti e vengono ascoltati i testimoni. Su sei giornalisti del Tg1, una sola collega dà ragione a Daniela Mondini e la procura di Roma chiede l’archiviazione dicendo di valutare al massimo l’ipotesi di mobbing e non stalking.

La procura generale sceglie una strada differente: “Il pg Marcello Monteleone avoca a sé l’inchiesta, togliendola di fatto al pm, e decide di continuare a indagare per stalking i 5 giornalisti della Rai”, spiega il quotidiano Repubblica, che ha dato per primo la notizia della conduttrice del Tg1 che ha denunciato la Rai.

Paura a Uno Mattina, irruzione nella stanza dell’inviata in Ucraina: fucili puntati e urla