Max Biaggi domenica in fabrizio frizzi

“Scusatemi…”. Domenica In, le lacrime di Max Biaggi: il dolore in tutto lo studio di Mara Venier

Un uomo sensibile Max Biaggi che si commuove nello studio di “Domenica In”. Durante il programma domenicale condotto da Mara Venier, durante la sua ultima puntata di stagione, quella del 28 maggio, ha ospitato il campione di motociclismo Max Biaggi. Max Biaggi è ospite del salotto di zia Mara per festeggiare il traguardo dei 50 anni. La conduttrice lo invita ad entrare in scena raccontando il retroscena della sera precedente, scusandosi di non essere potuta passare alla sua festa di compleanno.

Come tanti sanno, Mara Venier e Max Biaggi sono molto amici e il loro rapporto emerge anche durante l’intervista. Tra la passione per le due ruote, l’amore per i figli, Max Biaggi e Mara Venier scoppiano in lacrime per il ricordo di un caro amico comune: Fabrizio Frizzi. Sullo schermo la foto del pilota con il conduttore scomparso nel marzo 2018, l’emozione è incontenibile e il campione si commuove: “Abbiamo sempre avuto un bel rapporto”.

Max Biaggi domenica in fabrizio frizzi

E ancora Biaggi: “Lo abbiamo ancora un bel rapporto – ribadisce – Ieri sera alla festa è come se ci fosse stato anche lui con me”, poco dopo si interrompe chiedendo scusa alla Venier. “Lo sai che io e te ci siamo conosciuti grazie a lui sì?”, gli dice Mara Venier.


Max Biaggi domenica in fabrizio frizzi

Max Biaggi, il ricordo di Fabrizio Frizzi

Immancabili i ricordi dei bei momenti trascorsi in compagnia di Frizzi fino al ricordo di Zia Mara: “Io e te eravamo insieme al suo funerale me lo ricordo…”. Infine, largo spazio alle confessioni private. Max nel corso della diretta si dice molto esigente, una caratteristica che influisce anche nel rapporto con i figli, avuti dalla relazione con la showgirl Eleonora Pedron.

Max Biaggi domenica in fabrizio frizzi
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Mara Venier (@mara_venier)

Ha detto: “Na non bisogna accontentarsi, perché se ci si accontenta alla fine si diventa delle persone troppo normali. Bisogna sempre correre e andare avanti. Se mio figlio porta a casa un 7 in pagella io vorrei che fosse 8…”. Qui interviene la Venier che con la sua consueta ironia lo gela così: “Ma anche sette va bene oh, ma sei rompi balle però, sette va benissimo. Non te va bene niente!”.