Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Morto Gian Piero Ventrone

“Ci ha lasciati”. Serie A sotto choc, l’addio per male fulminante. Piange il calcio italiano

  • Sport

È morto a 62 anni per un malore improvviso Gian Piero Ventrone, ex preparatore atletico della Juventus, che lavorava attualmente al Tottenham nello staff di Antonio Conte. Fatale, a quanto si apprende, una leucemia fulminante. Ventrone è morto all’ospedale Fate bene fratelli di Napoli. Professionista serio e scrupoloso alla Juve, Ventrone è stato determinante per l’apertura del ciclo vincente legato al tecnico Marcello Lippi, a partire dalla stagione 1994-1995. Dopo l’avventura bianconera, Ventrone ha collaborato con l’Ajaccio in Francia, con il Catania e con 2 club in Cina prima di essere chiamato da Conte al Tottenham.


La Juve rende omaggio a Ventrone dal proprio sito. “Se n’è andato uno dei nomi “storici” della Juve a cavallo dei due secoli. Gian Piero Ventrone ci ha lasciato all’età di soli 62 anni: ha lavorato per tante stagioni come preparatore atletico bianconero, dal 1994 al 1999, contribuendo, insieme a Mister Lippi, a costruire e a prendersi cura di una Juve che ha vinto di tutto, in Italia e in Europa”, ricorda la società torinese.

Leggi anche: Calcio italiano in lutto. Addio al capitano simbolo di una stagione indimenticabile

Morto Gian Piero Ventrone


Morto Gian Piero Ventrone, ex preparatore atletico della Juventus


“Ventrone è tornato a Torino poi dal 2001 al 2004, arricchendo il suo (e nostro) palmares di altre vittorie. Un metodo innovativo, una cura della condizione fisica ispirata a criteri moderni, che ha fatto scuola in Italia e all’estero: Ventrone era, sempre con Lippi, nello staff dell’Italia Campione del Mondo 2006, e ha continuato ad arricchire la sua carriera di esperienze importanti, in Francia, in Cina e in Inghilterra, dove ha vissuto le ultime sue avventure”, si legge ancora.

Morto Gian Piero Ventrone


“Ricorderemo sempre la sua figura discreta, la sua cura dei dettagli, la sua filosofia del lavoro, e soprattutto quello che forse è stato il suo talento più grande: capire come il calcio (e quindi una delle sue componenti fondamentali, la tenuta fisica e atletica) stesse gradualmente entrando in una nuova era. Una nuova era che, in parte, ha contribuito a scrivere”, conclude la Juve.

Morto Gian Piero Ventrone


Della Juventus in cui ha lavorato Gian Piero Ventrone, preparatore iconico del ciclo del ritorno ai successi negli Anni 90, uno dei volti simbolo è stato Moreno Torricelli, protagonista della favola personale dell’ascesa dai Dilettanti alla Nazional. Torricelli che intervistato dalla Gazzetta dello Sport lo ricorda così: “Facile odiarlo per quanto ci spremeva, invece era l’uomo su cui ti appoggiavi. Mi ha fatto capire perché il lavoro paga”.

In coma dopo un’aggressione, si sveglia dopo due anni e parla: la scoperta choc sul fratello


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004