Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Super raffreddore sintomi distingue Covid

‘Super raffreddore’, arrivato in Italia. Sintomi: come riconoscerlo e distinguerlo dal Covid

  • Salute

Siamo abituati a combattere e a convivere con i sintomi dell’influenza, ma da quando il Covid è entrato nelle nostre vite lo spettro del coronavirus è sempre dietro l’angolo.

Tosse, raffreddore e febbre sono i sintomi influenzali che possono essere confusi con quelli del Covid, che nelle ultime varianti ha perso quello che era sempre stato il sintomo per eccellenza: la perdita dell’olfatto e del gusto. Come scrive Il Giornale, in questo periodo in Italia non circola soltanto la variante Omicron 2 ma anche un influenza intestinale, chiamata anche “gastroenterite virale”, causata dai Norovirus e i Rotavirus.

Super raffreddore: i sintomi e come si distingue dal Covid


Super raffreddore: i sintomi e come si distingue dal Covid

Si tratta del cosiddetto ”super raffreddore”. L’allarme è partito dall’Australia ma è apparso per la prima volta nel Regno Unito a novembre, con vittime che soffrivano di sintomi simili all’influenza o al Coronavirus, ma erano negative ai tamponi per il Covid. Come scrive Il Messaggero, in Australia migliaia di persone sarebbero state colpite dal super raffreddore.

Super raffreddore: i sintomi e come si distingue dal Covid

Ma quali sono i sintomi? È possibile capire se si tratta di Covid o di super raffreddore? In un’intervista rilasciata a Il Messaggero, Claudio Mastroianni, direttore di Malattie infettive del Policlinico Umberto I di Roma e presidente della Simit (Società italiana di malattie infettive e tropicali) ha fatto il quadro della situazione.

“La sintomatologia potrebbe essere sovrapponibile al Covid, nella stragrande maggioranza dei casi il quadro clinico è ben distinto e nel giro di 48 ore i sintomi passano in maniera spontanea. È bene dunque attendere un paio di giorni prima di verificare se si tratta di Covid”, ha spiegato l’esperto.

“Omicron colpisce le alte vie respiratorie e in qualche caso provoca disturbi intestinali, nell’influenza intestinale, invece, si ha febbre, diarrea e vomito, senza sintomi respiratori”, ha detto l’esperto, consigliando comunque un tampone rapido o molecolare per avere certezza di non aver contratto il coronavirus.

Covid e scuola, il nuovo decreto: dad, mascherine e gite, tutte le novità e da quando