“Stefano si è tolto la vita”. Trovato morto il figlio dell’amato vip dello sport. Tragedia familiare a pochi giorni da Natale

Stefano Benvenuti, il primo figlio del grande campione mondiale e olimpico di pugilato, si è tolto la vita. Aveva 58 anni e stava attraversando un periodo della sua vita molto delicato. Anche con il padre i rapporti sono stati tesi, tanto da finire anche davanti al giudice. Il suo corpo è stato trovato in un bosco del Carso.

L’ex campione del mondo dei pesi medi, come riporta “Il Piccolo” aveva persino avviato una causa contro il suo primogenito per un orologio d’oro che Nino aveva ricevuto dopo la vittoria alle Olimpiadi di Roma, per qualche trofeo, per una preziosa Bibbia in cinque volumi e per un ritratto a olio. (Continua dopo la foto)


Il figlio di Nino Benvenuti stava scontando una pena di quattro anni per furto dei gioielli ai danni dell’ex compagna: a causa del Covid aveva ottenuto la scorsa primavera gli arresti domiciliari. Dopo la restituzione da parte di Stefano sembrava essere tornato tra i due il sereno. Tuttavia nel 2002 – come riporta il quotidiano – l’ex oro olimpico intentò un’altra causa nei confronti del suo primogenito. (Continua dopo la foto)

In questo caso per ottenere chiarezza su un assegno da 15 milioni di lire per gli alimenti che, a detta dell’ex pugile, nel 1998 il figlio aveva incassato invece di consegnarlo o versarlo sul conto della madre Giuliana. In una intervista al Corriere della Sera nel 2018, Benvenuti rispose così alla domanda su quale fosse il suo più grande rimpianto. “Il rapporto coi figli. Quelli avuti con Giuliana, cinque inclusa una adottata, non li vedo, non li sento, non mi vogliono parlare. Lei me li ha messi contro. Ho nipoti che non conosco e penso che, anche se non sono stato un buon padre, potrei ancora essere un buon nonno”. (Continua dopo la foto)

{loadposition intext}

Insomma nonostante gli arresti domiciliari la sua sofferenza non lo ha abbandonato. Come si legge su Ilgiornale.it, la luce in fondo al tunnel cominciava ad intravedersi, ma probabilmente la sofferenza dettata da quel percorso penitenziario l’ha spinto a questo gesto estremo. La sua morte ha gettato nel dolore e nello sconforto quanti in città lo conoscevano, la famiglia, la madre Giuliana che lo adorava e il figlio minorenne.

Mondo della moda sotto choc: è morta improvvisamente pochi giorni dopo il suo compleanno