“Ecco come sono morti”. Effettuata l’autopsia su Luca Attanasio e Vittorio Iacovacci

Non in un’esecuzione ma in un conflitto a fuoco sarebbero morti l’ambasciatore Luca Attanasio e il carabiniere Vittorio Iacovacci nel corso di un tentativo di sequestro. E’ quanto emerge dai primi risultati delle autopsie eseguite al Policlinico Gemelli sui corpi dei due italiani morti nella Repubblica Democratica del Congo. L’ambasciatore Attanasio è stato colpito all’addome e dalla tac non è emersa la presenza di residui metallici all’interno del corpo.

Il carabiniere Iacovacci è stato raggiunto invece da un primo colpo nella zona del fianco e da un secondo alla base del collo dove è stato trovato un proiettile integro di un Ak47. Inoltre sono state riscontrate fratture multiple all’avambraccio sinistro, un elemento che fa ipotizzare che il proiettile abbia colpito prima l’arto e poi il collo. I pm della Procura di Roma per ricostruire la dinamica dei fatti hanno disposto ulteriori esami balistici. (Continua a leggere dopo la foto)


I funerali di Stato dell’ambasciatore Attanasio e del carabiniere Iacovacci si terranno alle 9,30 nella basilica romana di Santa Maria degli Angeli. Venerdì si celebreranno le esequie del militare nella sua città, Sonnino (Latina). La cerimonia è in programma alle 14,30 nell’Abbazia di Fossanova, dove lunedì scorso padre Andrea David gli aveva dedicato un momento di preghiera. (Continua a leggere dopo la foto)

L’ambasciatore era arrivato a Goma venerdì 19 con un aereo della missione Onu Monusco. In base alle prime ricostruzioni, che devono essere sottoposte al vaglio degli inquirenti, la prima autovettura del convoglio del Pam, su cui viaggiavano le vittime, sarebbe stata oggetto di colpi di arma da fuoco. (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}
Il convoglio è stato attaccato alle 10,15 all’altezza del villaggio di Kanya Mahoro, nei pressi di una località chiamata ‘Tre Antenne’. Il gruppo, formato da 6 elementi, avrebbe costretto i mezzi a fermarsi ponendo ostacoli sulla strada e sparando alcuni colpi di armi leggere in aria.

Ti potrebbe anche interessare: “Ti vogliamo tra gli insegnanti!”. Amici, un grande (graditissimo) ritorno. Il pubblico impazzito: “Sei un mito, ci manchi!”