Terremoto di magnitudo 6.2 della scala Richter. Paura in Argentina: gente riversata in strada

Una scossa di terremoto di magnitudo 6.2 è stata registrata in Argentina, al confine nord con il Cile. Secondo i dati dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia italiano e quello del servizio geologico statunitense, il sisma ha avuto ipocentro a 153 km di profondità ed epicentro a circa 80 km da San Antonio de los Cobres. Non si hanno al momento informazioni su eventuali danni a persone o cose.

Ma non è il primo: un altro fortissimo sisma ha scosso il nord dell’Argentina alle 13.40 di domenica 29 novembre. Si è trattato di un terremoto con magnitudo 5,9 sulla scala Richter tra le province di Salta e Jujuy. Con precisione, l’Inpres, l’istituto di geofisica dell’Argentina, ha localizzato l’evento sismico con epicentro a 106 chilometri a nord di San Salvador de Jujuy, 177 chilometri a nord della città di Salta e a 34 dall’altrettanto nota località turistica di Humahuaca. (Continua a leggere dopo la foto)


Come riporta Gaucho news, il sisma è avvenuto a una profondità di 17 chilometri. Non si riportano danni strutturali, se non di lievissima entità nelle località più prossime all’epicentro, né ci sono notizie di feriti tra gli abitanti della zona. Yacoraite, Huacalera e Uquía sono stati i centri abitati in cui il terremoto è stato avvertito maggiormente. (Continua a leggere dopo la foto)


Non solo: grande timore e gente in strada anche in tutta la Quebrada de Humahuaca, e nelle capitali provinciali di Salta e Jujuy. Evidentemente colpiti sono risultati i rilievi montuosi della zona del sisma, con smottamenti che hanno causato caduta massi e nuvole di polvere, preoccupando non poco le popolazioni vicine. Con immagini che non hanno tardato a circolare sui social. (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}
Come è risaputo, all’origine dei terremoti in Argentina, spiegano gli esperti, è il contatto tra la Placca di Nazca e la Placca Sudamericana. Per questa ragione si verificano con maggiore intensità nella parte occidentale del paese, interessando solitamente le province di Mendoza, San Juan, Catamarca, La Rioja, Salta e Jujuy. Ma, in generale, tutta l’Argentina è considerata zona sismica.

Di Gianluca Salza

Ti potrebbe anche interessare: “Una come lei…”. Gemma Galgani, l’attacco di Giorgio Manetti è senza precedenti

Pubblicato il alle ore 07:24 Ultima modifica il alle ore 12:08