Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Attentato a Istanbul: arrestata una donna

“6 morti e 80 feriti”. Terrorismo, c’è un arresto a Istanbul: è una donna la responsabile

  • World

Svolta dopo il terribile attentato a Istanbul: arrestata una donna, sarebbe la responsabile del vile atto costato la vita ad almeno 6 persone. È successo tutto a Istiklal Caddesi, a due passi da piazza Taksim, in quella che di fatto è la via dello shopping. Tutto è successo in un istante, alle 16:20, quando un boato sinistro si propaganda velocemente per tutta la via pedonale dello shopping che va da piazza Taksim a piazza Tunel, a due passi dalla Torre di Galata e che come ogni domenica è affollata di turisti.

Il bilancio è grave: sei morti e più di 80 feriti (non ci sono stranieri tra le vittime): delle 81 persone ricoverate in ospedale, 50 sono state dimesse. Cinque dei feriti stanno ricevendo cure di emergenza e due di loro sono in pericolo di vita. il ministro dell’Interno Soumeylan Soylu ha affermato in queste ultime ore che la polizia ha arrestato la persona che avrebbe piazzato la bomba: non è ancora chiaro se si tratti della donna accusata nella giornata di domenica da Erdogan di essere l’autrice materiale della strage.

Leggi anche:

Attentato a Istanbul: arrestata una donna


Attentato a Istanbul: arrestata una donna

Attentato a Istanbul: arrestata una donna

Da quel poco che si sa, l’attentatrice è una donna siriana: Ahlam Albashir. La donna è stata arrestata questa mattina insieme ad altre 46 persone, tutte accusate di aver preso parte all’attentato che ieri ha sconvolto la Turchia. Tutti sono legati in qualche modo all’organizzazione terroristica separatista curda Pkk/Ypg.

Attentato a Istanbul: arrestata una donna

Il governo dice che l’attentato sarebbe stato organizzato a Kobane, città a maggioranza curda che si trova nel nord della Siria, in un’area in cui la Turchia ha gradualmente allargato la propria sfera di influenza. Soylu ha accusato il Partito dei lavoratori del Kurdistan (Pkk) di aver causato l’attacco, dicendo: “Secondo le nostre conclusioni, l’organizzazione terroristica del Pkk è responsabile”.

Attentato a Istanbul: arrestata una donna

Sembra che ad esplodere sia stata una “borsa” appoggiata su una panchina. A riferirlo è il ministro della Giustizia, Bekir Bozdag. “Una donna si è seduta su una panchina per 40-45 minuti, e qualche tempo dopo c’è stata un’esplosione. O questa borsa conteneva un timer o qualcuno l’ha attivato da remoto”, ha aggiunto.

Leggi anche:


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004