Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
ex amici vittima violenza foto

“Ho preso due pugni in faccia”. L’ex di Amici picchiato in strada da 6 ragazzi: il racconto choc

Un bruttissimo episodio per l’ex Amici. Il ballerino che ha partecipato all’edizione 2014 del noto talent show condotto dalla brava Maria De Filippi ha scioccato tutti nei giorni scorsi. Stiamo parlando dell’anno in cui a vincere furono i The Kolors, il gruppo che sta facendo furore negli ultimi anni.

D’altra parte non è la prima volta che chi riesce ad affermarsi in questa competizione poi ‘sfonda’ nel proprio settore, nella propria disciplina. Ma cosa è successo al protagonista della nostra storia? Beh, il giovane è stato aggredito. E con alcune foto postate ieri, lunedì 17 gennaio, sul proprio profilo Instagram ha mostrato i segni della violenza subita.

simone baroni ex amici vittima violenza


Stiamo parlando di Simone Baroni. Nella foto pubblicata sul proprio profilo Instagram il ballerino di Amici 14, ha fatto vedere a tutti le conseguenze di quella che lui stesso ha definito un'”aggressione omofoba senza alcuna ragione”. In particolare Simone ha spiegato quello che gli è capitato: “Ragazzi, stasera abbiamo (ho) subito un’aggressione omofoba senza alcuna ragione. Ho i video e domani andrò a denunciare per raccogliere anche i video delle camere della zona. Roba dell’aldilà”.

simone baroni ex amici vittima violenza

“Sto bene – dice ancora Simone Baroni – un po’ il labbro gonfio. Ho preso due cartoni in faccia senza motivo alcuno, accerchiato da 5/6 ragazzi solo perché ‘Non lo vedi che è un fr***o?’ e camminavo in una strada. Queste cose non devono passare. Non per me, perché so difendermi, infatti sono venuti a scusarsi (inutilmente). Ma per chi a differenza mia non avrebbe avuto (anche giustamente, erano tanti) la forza e il coraggio di ribellarsi. In un paese dove il DDL Zan è una legge inutile, superflua, mi vergogno. Eppure, anche con meno diritti pago le stesse tasse degli altri. E chiudo la polemica, domani vi racconto tutto”.

E proprio oggi, come promesso, Simone ha confermato ciò che aveva denunciato: “Grazie a chi ne sta parlando. È importante parlarne, per dare coraggio a chi purtroppo può incontrare o ha incontrato qualche imbecille per il proprio cammino. E per fare capire a quei quattro farabutti che esultavano, che il DDL Zan purtroppo serviva e serve […]. Poi appena ho tempo in questi giorni vi racconto bene la vicenda”. Davvero una brutta disavventura. Le sue ultime parole Simone le dedica a chi gli sta vicino in questo momento: “Comunque raghi sto ‘na favola. TRANQUILLY”. A non essere tranquilli, forse, saranno altri adesso.