“Cosa c’è dietro alla guerra con Barbara D’Urso”. Maria De Filippi, soffiata epocale dopo la denuncia di Mediaset

È scoppiata la bomba in casa Mediaset. A innescarla è la società Fascino di Maria De Filippi con un comunicato ufficiale sulla pgina di Uomini e Donne mandando che una bordata anche a Barbara D’Urso. È successo dopo la puntata di Live – Non è la D’Urso, durante l’intervista a Pietro Della Piane, fidanzato dell’opinionista del GF Vip Antonella Elia.

Tutto risale all’edizione passata di Temptation Island vip parlando della quale, ha rivelato di aver recitato seguendo fedelmente un copione. Parole che hanno creato un vero e proprio panico nel dietro le quinte di Live Non è la D’Urso. Come riportato da DavideMaggio.it sembra che quanto rivelato dall’uomo abbia fatto precipitare in studio addirittura il direttore di rete, Giancarlo Scheri. Difatti, come ha svelato il portale, il programma prodotto da Maria De Filippi non andava nominato. Il motivo? Sembra che ci sia una clausola per cui Barbara D’Urso non possa nominare le trasmissioni della collega nei suoi programmi. Continua dopo la foto


“La Società Fascino PGT, – si legge nel comunicato – apprese le dichiarazioni rese dal Sig. Pietro Delle Piane in merito alla Sua partecipazione a “Temptation Island” nel corso della trasmissione “Live non è la D’urso“, andata in onda ieri 14 marzo 2021 e dal seguente contenuto: ”È uno show, non è la vita. Lì ho recitato un ruolo”, contesta fermamente la veridicità di tale grave esternazione che mette in dubbio l’autenticità del programma “Temptation Island”. La Fascino PGT informa quindi, di aver dato mandato ai propri legali al fine di tutelare l’immagine ed il buon nome della società stessa”. (Continua a leggere dopo la foto)

“La società Fascino si dichiara dispiaciuta nel dover dare mandato ai propri legali nei confronti del signor Pietro Delle Piane ma lo ritiene necessario a difesa del proprio lavoro e nel sacrosanto rispetto del numeroso pubblico che segue il programma. Rimane lo stupore di vedere per l’ennesima volta tutto questo all’interno di programmi Mediaset con per altro tardive precisazioni arrivate solo dopo aver appreso dell’imminente denuncia”.

Dopo il comunicato il giornalista Davide Maggio ha cercato di fare un po’ di chiarezza, spiegando cosa c’è di vero sul caso “De Filippi e Barbara D’Urso”. “Ma la storia che lega Fascino a Barbara D’Urso e ai suoi programmi parte da lontano. Barbara è solo il tassello di un puzzle più grande che comprende chi cura e gestisce i suoi programmi nonchè la stessa azienda Mediaset”, ha detto il giornalista. (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}

E ancora: “Ci risulta che, per anni, i produttori dei programmi della De Filippi abbiano avuto un confronto con i produttori degli show di Barbara D’Urso per evitare che gli ospiti dei salotti d’ursiani potessero ledere le trasmissioni della collega, cosa lamentata a più riprese da Fascino. Da circolo virtuoso a circolo vizioso, insomma, e così Fascino ha inviato una diffida per evitare che si potesse screditare il lavoro del gruppo della De Filippi. Le strade fondamentalmente percorribili erano due: controllare quanto detto dagli opinionisti o, in alternativa, il silenzio per evitare il ripetersi di spiacevoli episodi. Da qui ha origine l’escalation che ha portato il fermo comunicato di stamane”.

 

“Quando arriva il picco dei contagi”. Terza ondata Covid, l’annuncio di Matteo Bassetti