Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

La meditazione allena il cervello alla felicità. Parola del Dalai Lama

Migliorare la capacità di concentrarsi – su se stessi e sugli altri – essere in sintonia con tutti, avere atteggiamenti amorevoli e stati d’animo positivi e gestire le emozioni. Sono abitudini che si possono imparare? Con la meditazione sì. È quanto emerso dagli studi del Mind and Life Institute, associazione no-profit di studiosi di cui fanno parte, tra gli altri, lo psicologo, scrittore e giornalista scientifico Daniel Goleman, Richard Davidson, neuroscienziato e psicologo, docente all’Università del Wisconsin e il Dalai Lama. Tra gli studi effettuati, quello che analizza il rapporto individuale tra l’attività delle aree della corteccia prefrontale destra (area che si attiva quando siamo sofferenti, depressi o infelici) e l’attività della corteccia prefrontale sinistra (attiva nell’emotività positiva, quando ci sentiamo entusiasti e carichi di energie mentali). Beh, è stato scoperto che coloro che sono abituati a meditare, riescono a modificare il loro cervello – quindi il loro atteggiamento – in tempi straordinariamente brevi. Significa che sono in grado di passare da uno stato di sofferenza a uno stato di felicità. C’è di più: attraverso la meditazione, è possibile anche aumentare il livello di empatia, ovvero la capacità di mettersi nei panni dell’altro, specie se l’altro in questione sta soffrendo. Anche per coloro che praticano la meditazione da poco, ci sono buone notizie: meditando è possibile aumentare le risposte del sistema immunitario. E reagire meglio a eventuali malattie. Ma affinché accada è necessario praticare per almeno due mesi.



Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004