Questo sito contribuisce alla audience di
Joan Copeland morta attrice

Tv e cinema in lutto, con la morte dell’attrice se ne va un pezzo di storia

In televisione e sul palco dei più grandi teatri del mondo, l’attrice è morta a 99 anni nella sua casa di New York. La notizia è stata confermata dalla famiglia con un comunicato ufficiale firmato dal figlio Eric Kupchik e dalla nipote, l’attrice Rebecca Miller.

Come uno dei primi membri di The Actors Studio, ha fatto il suo debutto a Broadway nel 1948 come Nadine in “Sundown Beach”. I suoi altri crediti a Broadway includono “Detective Story” (1950), “Coco” (1969) e “45 Seconds From Broadway” (2001). Nella sua lunga carriera ha recitato in numerose soap opera. Tra queste “Search for Tomorrow” (1967-72) “Love of Life” (1960-63), “The Edge of the Night” (1956) e “How to Survive a Marriage” (1974). “Fin da quando ero una bambina ho avuto l’insetto del palcoscenico”, aveva detto l’attrice in una intervista rilasciata al New York Times nel 1981.

Joan Copeland morta attrice

“Era come un grande sogno, come i bambini che vogliono volare sulla luna oggi. Forse sono stata inconsciamente influenzata da mio fratello. Ce l’aveva fatta. Volevo disperatamente uscire dalla tristezza in cui vivevo”. Joan Copeland era infatti la sorella di Arthur Miller, drammaturgo, scrittore, giornalista e sceneggiatore morto nel 2005, figura di primo piano nella letteratura americana e nel cinema per oltre 61 anni, con ben 5 drammi.


Joan Copeland morta attrice

Le opere più note di Miller sono Il crogiuolo, Erano tutti miei figli (che vinse nel 1947 il Tony Award come migliore opera) e Morte di un commesso viaggiatore, ancora studiato e rappresentato in tutto il mondo. Joan Copeland è apparsa in una delle commedie di Miller, “The American Clock” (1980), una performance per la quale ha vinto un premio Drama Desk. È stato proprio il fratello a consigliarle di prendere il nome d’arte “Joan Copeland”.

“Non volevo che qualcuno mi identificasse con mio fratello”, aveva detto al Times l’attrice, che ha recitato anche al Cinema in “The Goddess” di Paddy Chayefsky (1958), sia basato sulla seconda moglie di Miller (e un tempo cognata di Copeland) Marilyn Monroe. Ha recitato anche in “Roseland” di James Ivory, A Little Sex (1982) e L’oggetto del mio desiderio con Jennifer Aniston.

Pubblicato il alle ore 09:29 Ultima modifica il alle ore 15:56