Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“Che fine ha fatto la sua eredità”. Choc a Pomeriggio 5, il figlio di Gina Lollobrigida racconta tutto

gina-lollobrigida

Gina Lollobrigida, per la prima volta da mesi parla il figlio Milko Skofic. Lo ha fatto ai microfoni di pomeriggio Cinque senza lasciare spazio a interpretazioni. “Sono state dette bugie e falsità e cose non vere in tv e sulla stampa. Ho pensato che ora è il momento di fare chiarezza. Mi ha ferito molto la manipolazione di Piazzolla. Fino al 2013/2014 ho vissuto nella villa di mia madre, poi mi sono separato e in casa sono rimasti la mia ex moglie e mio figlio”.


E ancora: “Poi è arrivato uno sfratto, firmato da Piazzolla, che era l’amministratore di mia madre. E così hanno mandato fuori Dimitri da casa”. Secondo Milko Piazzolla avrebbe manipolato la madre. “Mia madre era ormai fuori controllo, credeva a ogni cosa che diceva Piazzolla. Un giorno ho visto una fattura nella cassetta della posta. Era una fattura da 117mila euro per un’automobile. Non era normale per mia madre, altrimenti non mi sarei allarmato”.

Leggi anche: “Aperto il testamento”. Gina Lollobrigida, ecco a chi va il suo patrimonio: due beneficiari


Gina Lillobrigida, il figlio a Pomeriggio 5: “Eredità finita”


“Lei era molto attenta alle spese. Mai ha avuto la passione per le macchine. Quindi la chiamo e dico: “Ma questa fattura da 117mila euro? Che succede?”. Lei mi risponde: “Andrea è un genio, compra macchine e poi le rivende”. Io sono rimasto basito. Quando lui è arrivato i conti erano buoni. A Monte Carlo c’erano soldi, abbastanza per finanziare una vita sostenibile per mia madre”.


E ancora: “Quando la guardia di finanza ha visto i conti un po’ di tempo dopo a Roma erano rimasti 100 euro e niente a Monte Carlo. Io ho saputo che Piazzolla raccontava a mia madre che aveva una malattia terminale. Ho sentito i nastri in cui mia madre raccontò a Paolo Limiti che Piazzolla stava per morire”. Capitolo Rigau:
“Rigau lo conosceva da molti anni. Io vengo a sapere delle nozze e le chiedo: “Ma ti sposi?”. Lei mi dice di sì. Secondo me si sono sposati. Alla fine del maggio 2020 scoprii che i mobili di mia madre stavano per essere messi all’asta. Ho ricevuto una chiamata anonima”.

Altra vicenda di cui si è molto parlato è il patrimonio della diva: “Cosa resta oggi del patrimonio di Gina? Quasi niente. La casa, un appartamento a Pietrasanta dove ci sono le sue statue. E basta. Questo è stato un periodo brutto. Spero che sia fatta giustizia, spero che la gente che ha rovinato la vita altrui ci pensi due volte prima di rifarlo”.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004