Manuela e la sua storia incredibile. Dal 2009 sta sulla carrozzina, ma adesso sta per affrontare una sfida impossibile. Batterà un record. Non ci credete? Invece sì, ecco quale (un esempio per tutti)

 

Una lesione al midollo spinale nel 2009 le ha tolto l’uso delle gambe. Manuela Migliaccio, paraplegica e studentessa di veterinaria prossima alla laurea, tenta una nuova sfida: camminare per 15 km grazie al supporto dell’esoscheletro Ekso robotizzato, dopo avere ottenuto nel 2013 il primato di 10,5 km nel 2013, battendo il record dell’israeliano Radi Kaiuf.

(Continua a leggere dopo la foto)


{loadposition intext}

La prova si terrà il 4 giugno a Rimini, con partenza alle 6 da piazzale Boscocvich camminando su una pista ciclabile di 7,5 km che percorrerà nei due sensi, per oltre 8 ore, con piccole pause fisiologiche ed il cambio ogni dure ore circa delle batterie dell’esoscheletro che azionano i quattro motori per le anche e le ginocchia. Manuela si allena da anni grazie ad un progetto di ricerca della facoltà di Scienze motorie dell’Università di Bologna, voluto in collaborazione con la clinica Villa Beretta di Lecco.

(Continua a leggere dopo la foto)

“L’esoscheletro non sostituisce la carrozzina e non può permettere di riprendere a camminare, ma serve per fare riabilitazione. Non mi sento un modello, ma voglio trasmettere una speranza perché le persone non devono arrendersi”, ha detto Martina. Per noi, comunque, è davvero un modello da seguire.

 

Ti potrebbe interessare anche: “Siamo tutti uguali”: bambino disabile non può salire sul bus, i compagni rinunciano alla gita

Pubblicato il alle ore 19:43 Ultima modifica il alle ore 11:51