“Non è possibile, che tristezza!”. Lutto nel calcio: l’attaccante si accascia al suolo durante la partita. Aveva solo 30 anni

Lutto atroce nel mondo del calcio. Siamo in Francia dove la morte di Christopher Maboulou ha lasciato di sasso l’intera comunità sportiva. Il calciatore è scomparso all’età di 30 anni dopo essere stato colpito da un arresto cardiaco. Il centravanti francese naturalizzato della Repubblica del Congo, secondo quanto ricostruito sino ad ora, avrebbe accusato il malore mentre stava giocando in una partitella tra amici. Diffusasi la notizia della tragedia sono stati innumerevoli i messaggi di cordoglio per la famiglia di Maboulou.

Il giocatore francese naturalizzato della Repubblica del Congo Christopher Maboulou è deceduto nella giornata di ieri, domenica 10 gennaio. Secondo quanto riporta la stampa transalpina, il calciatore 30enne si sarebbe accasciato al suolo, colpito da un arresto cardiaco, durante una partitella tra amici a Formigé, quartiere di Montfermeil, sua città natale a circa 20 chilometri da Parigi. (Continua a leggere dopo la foto)


Niente da fare per i paramedici: inutili i tentativi di soccorso: chi ci ha provato non ha potuto far nulla per salvargli la vita. A rendere noto quanto accaduto è stato il Bastia, club de Championnat National, la terza divisione francese, dove Maboulou ha giocato per due stagioni nella massima serie. (Continua a leggere dopo la foto)

“Lo Sporting Club di Bastia – si legge nel post sul profilo Twitter della società- ha appena appreso con tristezza della tragica morte del suo ex giocatore Christopher Maboulou. Alla sua famiglia, amici e parenti, il club rivolge le sue più sincere condoglianze“. (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}
Tantissimi i messaggi di cordoglio, tra i quali anche quello di Djibril Cissé, l’ex attaccante della Lazio che ha giocato insieme a Maboulou ai tempi del Bastia. “Non è possibile -scrive Cissé- Che tristezza. Riposa in pace fratello mio“.

Ti potrebbe anche interessare: “Addio Franco”. Lutto nello spettacolo. Da Pippo Baudo e Gianni Morandi, tanti sono stati con lui. Un fiume di dolore per il ‘dottore’