Angelo Crescenzo Olimpiadi Tokyo 2020 Colpo Cervello Spento Karate

“Il mio cervello si è spento 30 minuti”. Choc alle Olimpiadi, che paura per l’atleta azzurro

Davvero agghiacciante il racconto fatto dall’atleta azzurro, impegnato in questi giorni alle Olimpiadi di Tokyo. Dopo essere stato eliminato, si pensava che fosse solamente questa la delusione più grande e la preoccupazione maggiore dello sportivo. Invece ciò che è emerso successivamente ha scioccato davvero tutti. Il giovane, poco prima di perdere l’incontro della sua specialità, ha ricevuto un colpo davvero molto duro e ha avuto dei problemi sicuramente non di poco conto dal punto di vista fisico.

L’italiano si è subito rialzato dopo essere stato centrato al volto, ma c’è comunque chi si era subito accorto che qualcosa non fosse andato nel verso giusto. Infatti, lo si è visto barcollare ma nonostante questo ha chiuso il suo match. Poi è stato sottoposto ad un esame specifico, in particolare una Tac. Non è risultato nulla di preoccupante, infatti il risultato è stato negativo, ma l’atleta 28enne ha riferito che il suo cervello è andato decisamente un po’ in tilt per circa mezz’ora dopo quel colpo veramente forte.

Angelo Crescenzo Karate Olimpiadi Tokyo Cervello Spento 30 Minuti Colpo

Questo il racconto dell’azzurro: “Ho lavorato quattro anni per arrivare qui, pronto a lottare per quella medaglia ma poi ancora una volta il destino mi è venuto contro. Il mio cervello ha subito un colpo e ha deciso di spegnersi. Poteva essere un istante, invece è rimasto spento per circa 30 minuti. Non chiedetemi cosa sia successo, come sono arrivato a fine incontro, come sono sceso dal tatami o cosa sia successo dopo. Perché non saprei rispondervi. So solo che gli angeli del mio staff sono intervenuti ed ora eccomi qui”.


Angelo Crescenzo Karate Olimpiadi Tokyo Colpo Cervello Spento

Ad essere rimasto vittima di questa spiacevole vicenda l’atleta di karate, Angelo Crescenzo, originario di Sarno: “I risultati della prima Tac sono stati negativi, ora attendiamo di capire cosa succederà nei prossimi giorni. In modo surreale è svanito il mio sogno olimpico, ma allo stesso tempo ho ricevuto straordinario calore da tante persone che mi hanno seguito e si stanno preoccupando per me. Grazie per il vostro supporto”, ha concluso il campano Angelo Crescenzo, che ora sta bene.

Angelo Crescenzo, classe 1993, è specializzato nel Kumite. Aveva iniziato il suo percorso in previsione Olimpiadi nel 2018, vincendo il titolo di campione del mondo e nove medaglie su 18 competizioni. Poi ha ottenuto nel mese di maggio la qualificazione a Tokyo durante la Premier League 2021. Ha iniziato con gli sport da combattimento a soli cinque anni con la kick boxing.

Pubblicato il alle ore 18:42 Ultima modifica il alle ore 18:42