Messico, vilipendio alla bandiera: la Cyrus rischia il carcere

Esuberante e “ribelle”, ma stavolta Miley Cyrus se la vedrà con la legge messicana. Durante un concerto nel paese latino la popstar ha lasciato che un ballerino la sculacciasse con la bandiera messicana durante il consueto twerking, quel movimento di bacino pseudo provocatorio che ha contribuito ad accrescere la sua fama. Chissà se era voluto o è stata una pura coincidenza, ma lo stesso giorno, il 16 settembre, in Messico si festeggiava l’indipendenza del paese. E ora la parola alle autorità visto che la “twerkatrice” rischia ora una multa di 1.200 dollari e fino a 36 ore di carcere, pena riservata a chi commette vilipendio alla bandiera messicana. Il ministero dell’Interno ha fatto sapere di avere aperto un’indagine sul comportamento dell’artista. Il continente latinoamericano non sembra portare fortuna alla cantante che in Repubblica Dominicana era stata attacata “per i suoi atteggiamenti che vanno contro la morale e il costume” e che hanno portato alla cancellazione di un conerto il 13 settembre da parte delle stesse autorità.