“Sergio Mattarella ha avuto un malore”. Il capo dello Stato non era presente al rientro salme dell’attentato in Congo. Cosa è successo

Sono arrivati alle 23.30 di martedì 23 febbraio a Ciampino i feretri dell’ambasciatore Luca Attanasio e del carabiniere Vittorio Iacovacci, uccisi in Congo in un attacco al convoglio in cui viaggiavano. Ad attenderli, il presidente del Consiglio Mario Draghi, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio e il ministro della Difesa Lorenzo Guerini.

Dovrebbero essere svolte mercoledì 24 febbraip le autopsie sui corpi dei nostri connazionali, mentre i funerali dell’ambasciatore si dovrebbero celebrare giovedì mattina alle 9.45 a Roma, nella Basilica di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri. La salma sarà poi trasferita a Limbiate, dove ci sarà una camera ardente in Comune, e, sabato, una cerimonia funebre. Con Attanasio e Iacovacci è morto anche Mustapha Milambo, autista del Programma alimentare mondiale. (Continua a leggere dopo la foto)


Sono stati vittima di un “vile agguato, che ha stroncato le loro giovani vite e sconvolto quelle dei loro cari”. Così il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, nell’informativa alla Camera. “Ai nostri caduti dobbiamo prima di tutto la verità”, ha aggiunto subito dopo. Il loro “sacrificio illumina la vita dei molti, diplomatici e militari, che silenziosamente compiono il proprio dovere per difendere l’Italia e i nostri valori, in Paesi lontani e a rischio. È un sacrificio che il Paese onorerà con funerali di Stato”, ha quindi annunciato. (Continua a leggere dopo la foto)

“È stato straziante ieri sera accogliere, al fianco del presidente Draghi e dei familiari, le salme dei nostri due connazionali”, ha sottolineato Di Maio parlando di “un ritorno a casa tragico, che ci riempie di angoscia”. Ieri sera a Ciampino non c’era Sergio Mattarella, il presidente della Repubblica ha avuto un malore che gli ha impedito di recarsi all’aeroporto romano come avrebbe voluto e dovuto. Secondo quanto riportato dall’ufficio stampa del Quirinale, Sergio Mattarella, 79 anni, è stato colpito da un disturbo vestibolare. (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}

La neuronite vestibolare è un disturbo caratterizzato da un improvviso attacco grave di vertigini (una falsa sensazione di movimento o rotazione), causato dall’infiammazione del nervo vestibolare, il ramo dell’8º nervo cranico che aiuta a controllare l’equilibrio. Il vestibolo è una parte dell’orecchio interno che contiene gli organi che controllano l’equilibrio.

“Addio, Matteo”. Amato da tutti per la sua passione sul palco, se n’è andato a 24 anni. “Buon viaggio, volta alto”

Pubblicato il alle ore 13:48 Ultima modifica il alle ore 15:15