“Crivellati di buchi”. Daniele Mondello choc, pubblica la foto dei pantaloncini del piccolo Gioele: “A voi la conclusione”

Viviana Parisi e Gioele Mondello, scritta una nuova pagina di una delle storie italiane più tristi dell’ultimo periodo. Era il 3 agosto del 2020 quando mamma e figlio avevano fatto perdere le loro tracce Caronia. I loro cadaveri erano stati ritrovati alcuni giorni dopo: quello di Viviana l’8 agosto; quello del bambino il 19 agosto, in una boscaglia a circa settecento metri di distanza e ridotto a resti ossei, compromesso da morsi di animali. Daniele Mondello non ha mai creduto alla tesi dell’omicidio-suicidio e nei mesi scorsi raccontava i suoi dubbi.


“I corpi di mia moglie e di mio figlio erano distanti mille metri l’uno dall’altro, hanno le stesse ferite da caduta nonostante non ci fosse alcun traliccio e nessuna altura nel luogo in cui è stato trovato Gioele, e la stessa sostanza rosacea nei denti, una colorazione che indica la condizione di asfissia mentre si muore… hanno avuto la stessa morte. Come si spiega la distanza? Chi e perché ha spostato i corpi di mia moglie e di mio figlio?”. Non la pensava così la Procura che aveva deciso di chiudere il caso di Viviana Parisi.

Daniele Mondello

Viviana Parisi e Giole, Daniele Mondello non si rassegna

Ora arriva un altro colpo di scena. Daniele Mondello ha pubblicato sul suo profilo Facebook, a corredo di una foto dei pantaloncini indossati dal figlio il giorno in cui è stato ritrovato. “Nell’immagine: pantaloncino del figlio di Viviana Parisi, crivellato di buchi (ne ho contati 14). Sul suo corpo: un ciuffo di peli di cane (non identificato). A voi le conclusioni”.


Viviana Parisi e Gioele


Poi aggiunge: “Vedere questi pantaloncini, vedere la maglietta a brandelli mi fa venire la pelle d’oca, mi fa stare malissimo. Se c’è veramente un Dio… allora ti chiedo di farmi trovare la verità per favore”, scrive Mondello. E sotto il post, nei commenti, un’altra immagine dei pantaloncini, con la scritta “Sangue” ad indicare presunte macchie ematiche.

pantaloncini gioele mondello
pantaloncini gioele mondello


I segni sui pantaloncini del bimbo, secondo il genitore, indicherebbero una conclusione diversa rispetto a quella alla quale è giunta invece la procura. La battaglia legale è solo all’inizio: i legali dell’uomo hanno presentato nei giorni scorsi una richiesta di opposizione contro l’istanza di archiviazione. “Non vi è stato alcun atto aggressivo di Viviana Parisi nei confronti di Gioele Mondello come invece ritenuto dalla richiesta di archiviazione. Sicuramente la donna non si è suicidata, non vi è alcuna sua precipitazione dal traliccio dell’Enel D59 né volontaria né procurata, in quanto non ha avuto nessun contatto e non vi si è arrampicata”.