Follia in casa, uccide la figlia nel giorno del compleanno e si suicida

Nuova terribile tragedia in Italia. A Sarmeola di Rubano un uomo ha rivolto la pistola contro la figlia e poi si è tolto la vita. Sembra che prima dello spara padre e figlia avessero avuto una lite, lei sarebbe scappata e lui l’avrebbe freddata sul cancello di casa. Poi ha rivolto l’arma contro sé stesso e si è ucciso. I corpi sono stati trovati sulla strada da alcuni parenti che stavano andando nella casa per festeggiare il compleanno della donna.


L’uomo Stelvio Cerqueni, 88 anni, è nato in Serbia e risiede da anni a Monfalcone, la figlia, Doriana, 60 anni oggi, padovana, risulta residente nella casa di via Palù teatro della tragedia. Il marito della vittima e genero dell’assassino è il titolare del vicino mobilificio Nicoletti di via Valli. Dorjana Cerqueni abitava con il marito, l’imprenditore Galdino Nicoletti. La coppia possedeva un mobilificio la cui sede era poco distante dalla stessa abitazione in via Palù. Sembra che tra padre e figlia ci fossero stati in passato alcuni dissapori.

omicidio


Scrive il Corriere della Sera che “l’uomo prima ha sparato contro la figlia e poi ha rivolto l’arma contro il petto e si è ucciso nel momento in cui il rumore del primo sparo aveva richiamato all’esterno il figlio della donna, Paolo, che era in casa. Il secondo figlio, Michele, è un medico e in questi giorni è in vacanza in Sardegna, da dove sta cercando di rientrare”.


omicidio


“Paolo Nicoletti ha chiamato il 118, che ha subito allertato l’elisoccorso. Ma l’uomo e la donna sono morti subito a causa dei proiettili e l’elicottero non è mai atterrato”. Sul posto i carabinieri di Padova e il magistrato di turno, Roberto Piccione. Appena poche ore fa un altro terribile omicidio si era consumato. A colpi di pistola era stata uccisa da un uomo una 21enne, nella sua casa di Montecchio Maggiore, a pochi chilometri dal capoluogo berico. La vittima è madre di una bimba di 2 anni. A scoprire il delitto, il marito della donna rientrato nel primo pomeriggio a casa. Subito è stato dato l’allarme, e le forze dell’ordine stanno ricercando l’omicida.

omicidio


Il presunto omicida di Alessandra Zorzin si era tolto la vita. Verso le 20.30 l’uomo, un amico della vittima, ritenuto il principale indiziato dell’omicidio, si è sparato con la pistola che aveva utilizzato per commettere il delitto.

Pubblicato il alle ore 15:33 Ultima modifica il alle ore 15:35