milano lambrate tragedia frecciarossa

Tragedia in stazione: un morto sotto il Frecciarossa. Inutili gli interventi: “Nessuna pista esclusa”

Tragedia alla stazione di Milano Lambrate nella notte tra domenica 11 e lunedì 12 luglio. Una persona, di cui ancora è sconosciuta l’identità, è stata travolta da un treno Frecciarossa ed è morta. Era da poco passata la mezzanotte quando qualcuno ha chiamato l’azienda regionale emergenza urgenza della Lombardia. Il testimone ha fatto sapere che c’era stato un incidente e che una persona era stata investita da un treno. L’intervento degli operatori sanitari del 118 è stato immediato.

Con loro sono arrivate un’ambulanza e un’automedica. Purtroppo però gli uomini dei soccorsi non hanno potuto far nulla per salvare la vita alla persona travolta. E ne hanno constatato il decesso sul posto. Nel luogo dell’incidente sono arrivati anche gli agenti della polizia ferroviaria fu spetta il compito di fare i rilevamenti e chiarire la dinamica dell’episodio. Al momento tutte le ipotesi sono al vaglio, compresa quella del suicidio.

milano lambrate tragedia frecciarossa

Purtroppo incidente del genere non sono così infrequenti. Lo scorso 30 giugno un uomo era stato investito e ucciso da un treno a Monza. Anche in quel caso erano passati pochi minuti da mezzanotte. Secondo le informazioni giunte all’azienda regionale emergenza urgenza l’incidente era avvenuto all’altezza di via Visconti, nei pressi della stazione ferroviaria.


La vittima in quel caso era un uomo di 79 anni, travolto da un convoglio diretto ad Arcore. A dare l’allarme era stato il macchinista del treno che aveva sentito qualcosa di inusuale. Al numero d’emergenza l’uomo ha riferito il possibile punto dell’impatto. Proprio lì è stato ritrovato il corpo senza vita dell’uomo travolto dal treno. Anche qui i contorni della vicenda non sono stati chiariti: se si sia trattato di un suicidio o di un incidente dovuto al buio.

Il tratto di ferrovia nei pressi di Milano Lambrate, teatro dell’incidente mortale della notte tra domenica 11 e lunedì 12 luglio, era stato tra l’altro oggetto di un’altra operazione. Come comunicato da Rfi, la circolazione dei treni era stata sospesa: “Il provvedimento è necessario per consentire il disinnesco e la rimozione di residuati bellici, rinvenuti nei pressi della sede ferroviaria in comune di Segrate”. Per questo “i treni regionali, suburbani e previsti in circolazione sulla linea Milano-Pioltello-Treviglio-Bergamo/Brescia e della lunga percorrenza sulla linea Milano-Brescia-Verona-Venezia subiranno modifiche, cancellazioni e sostituzioni con servizio bus”.

Pubblicato il alle ore 17:04 Ultima modifica il alle ore 17:04