Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Lino Raglione morto incidente

“Non ci sono parole”. Lutto nello sport, Lino aveva solo 29 anni: una vita spezzata alle 4 del mattino

  • Italia

Siamo nei pressi di Avezzano, precisamente a Ortucchio. Qui si è consumata la tragedia in cui ha perso la vita il giovane Lino Raglione. Il 29enne è morto a seguito di un terribile incidente stradale: per lui non c’è stato più nulla da fare. Lino lavorava alla Cartiera di Avezzano ed era molto conosciuto in quanto era anche il portiere della squadra di calcio di Trasacco. Da quello che si sa, tutto il paese questa mattina ha raggiunto la casa dei genitori, insieme a padre Riziero Cerchi, il parroco di Ortucchio.

L’incidente è accaduto sulla strada che circumnaviga il Fucino, che porta ad Ortucchio, intorno alle 4 di questa mattina. Sul posto, per i rilievi del caso, sono arrivati i carabinieri. Presenti anche sanitari del 118 e vigili del fuoco. Sconvolto dal dolore tutto il paese e la Marsica intera. Nessuno sa ancora con certezza cosa abbia sia successo con precisione, l’unica fatto conclamato è che Lino Raglione era solo e sembra che nessun altro sia rimasto coinvolto nell’incidente.

Lino Raglione morto incidente


Lino Raglione, morto a causa di un incidente stradale il portiere del Trasacco

In queste ore la salma del giovane si trova all’obitorio di Avezzano, in mattinata sarà esposta alla casa funeraria Villa Liliana a Ortucchio. Da una prima ricostruzione, Lino Raglione stava tornando a casa quando la sua Toyota Rav 4 è finita fuori strada. Come dicevamo questa mattina tutto il paese di Ortucchio si è svegliato con la tragica notizia e padre Riziero Cerchi si è subito recato dalla famiglia per comunicargli l’accaduto e per mostrare loro sostegno fin da subito.

Lino Raglione morto incidente

Tanti i messaggi e i ricordi che i giovani non solo di Ortucchio, ma anche di Trasacco e Luco dei Marsi, hanno lasciato sui social per Lino. “Non ci sono parole”, ha detto il vice sindaco di Ortucchio, Mario D’Agostino, “nessuna. Ti si piegano le ginocchia e ti chiedi il perché sia successo”.

E ancora: “Lino Raglione è stato l’amico di tutti, davvero un gran bravo ragazzo”. Anche Roberta Frizzi, del Centro Italia Nuoto, si è voluta unire al cordoglio della famiglia Raglione che ben conosceva perchè Lino è stato tra i loro atleti. Una tragedia che lascia l’intera comunità sotto choc.

“Addio Capitano”. Calcio sotto choc, colpito da un infarto in campo muore a 27