“È il corpo di Franco”. Ritrovato cadavere il 47enne scomparso: la scoperta nelle campagne

Era scomparso lo scorso sabato 23 ottobre quando si era allontanato da casa a bordo della sua auto. Da quel momento un 47enne aveva fatto perdere le sue tracce. Di lui non si sapeva più nulla: erano subito iniziate le ricerche: i suoi fratelli hanno fatto scattare l’allarme nel momento in cui non hanno più avuto notizie di lui. Al momento della scomparsa aveva con sé un borsellino nero a tracolla e indossava scarpe ginniche.

Per giorni sono andate avanti le ricerche di Franco Molaro. L’uomo si era allontanato dalla propria abitazione una decina di giorni fa, a bordo della sua auto. Il telefono cellulare, infatti, risultava sempre spento. La vettura era stata ritrovata dai carabinieri, nel corso della mattina di domenica 24, vicino alla centralina idroelettrica, poco distante dal canale Ledra, scrive Udine Today. Le ricerche dell’uomo si erano quindi concentrate su vari tratti del canale.

franco molaro ritrovato senza vita

Sono stati impegnati nelle operazioni di ricerca i vigili del fuoco con un’unità di comando locale, una squadra Saf con un canotto, due squadre da Latisana e altre due da Codroipo, due operatori del servizio di topografia applicata al soccorso (Tas), i sommozzatori da Venezia, i carabinieri di Codroipo e i volontari della Protezione civile di Sedegliano, Mereto e Codroipo con l’elicottero e un’unità cinofila. Per consentire ai soccorritori di operare in sicurezza, l’acqua era stata anche abbassata.


ricerche scomparso

Tuttavia nelle ultime ore è arrivato il tragico epilogo. Il corpo di Franco Molaro è stato trovato senza vita novembre da alcuni cacciatori nelle campagne di Coderno. Ma nulla di fatto, nessuna traccia dell’uomo che invece è stato ritrovato cadavere questa mattina in un campo. Le sue ricerche si sono protratte per giorni e sono partite sin dal momento in cui è stato dato l’allarme della sua scomparsa.

ricerche scomparso
coderno campagne

Qualche settimana fa sono state vane le speranze di trovare viva un’altra donna che era scomparsa. In quel caso si trattava di una infermiera di 40 anni, Antonella Sofia. Il suo cadavere è stato trovato nel fiume Adda, nelle vicinanze di Formigara, a Pizzighettone (Cremona). La 40enne lavorava all’ospedale ‘Maggiore’ della città lombarda. Ad individuare la presenza di un corpo erano stati due giovani, che si trovavano nella zona per pescare. Poi sono arrivate sul posto le forze dell’ordine per recuperarlo.

Pubblicato il alle ore 16:47 Ultima modifica il alle ore 16:47