Incastrato tra le lame della motozappa. Inutili i tentativi di soccorso, uomo muore falciato vivo

Terribile incidente questa mattina a Fano, comune di 60mila abitanti della provincia di Pesaro e Urbino, nelle Marche, dove due squadre dei vigili del fuoco della cittadina marchigiana sono intervenuti in località Cannelle per un tentativo di soccorso ad un uomo.

La squadra del 115 è intervenuta in un campo della zona Cannelle per liberare un uomo che era rimasto incastrato nelle lame della motozappa mentre stava lavorando vicino alla sua abitazione. Intervenuti sul luogo dell’incidente anche i sanitari del 118, che però non hanno potuto fare niente per salvare la vita dell’anziano che stava lavorando in un campo di sua proprietà che si trova vicino alla sua abitazione. Erano troppo gravi le ferite riportate e poco dopo i medici hanno dovuto dichiarare il decesso del 95enne.


Incastrato nella motozappa, muore a 95 anni

Come riportano i quotidiani locali i vigili del fuoco hanno utilizzato delle attrezzature specifiche per poter liberare il 95enne, ma purtroppo i tentativi sono stati vani e i soccorritori del 188 non hanno potuto fare altro che constarne il decesso. Mentre i vigili del fuoco provvedevano a mettere in sicurezza il macchinario e la zona, la polizia di stato ha effettuato i rilievi per capire cosa possa essere successo.

Solo un mese fa a Isola Capo Rizzuto, un agricoltore di 39 anni è rimasto intrappolato sotto un motozappa. L’uomo è stato investito dal motozappa restando intrappolato con una gamba nelle lame del macchinario.Sul posto sono intervenuti i sanitari del Suem 118 di Crotone e i vigili del fuoco del comando di Crotone per liberare l’arto dell’uomo. In quel caso, per fortuna, il repentino intervento dei pompieri ha permesso di salvare la gamba dell’agricoltore.

Il 39enne è stato sedato mentre i vigili del fuoco provvedevano a effettuare le manovre chirurgiche, usando le cesoie, per tagliare le lame per liberare l’arto bloccato. L’uomo è stato liberato, stabilizzato dal personale sanitario del Suem 118 e trasportato con l’elisoccorso ricoverato in ospedale a Catanzaro.

 

“Quella morte per me è devastante”. Giulia Salemi non nasconde il suo dolore: “Mi si è gelato il sangue”