Crolla parete del cantiere: un operaio morto sotto le macerie e un ferito

Brutto incidente all’interno di un cantiere edile a Tovo San Giacomo, in provincia di Savona. L’allarme è stato lanciato la mattina del 4 febbraio e la macchina del pronto intervento si è subito attivata. Una persona sarebbe deceduta sotto le macerie, ha riferito il sindaco di Tovo S.Giacomo Alessandro Oddi che si è recato sul luogo del crollo. “È una vera tragedia”, le sue parole. Sul posto sono intervenute l’automedica del 118, un’ambulanza di Pietra Soccorso e una della Croce Bianca di Borgio Verezzi, i vigili del fuoco oltre ai carabinieri di Pietra Ligure e alla polizia locale di Tovo San Giacomo.

Secondo quanto riferito, si sarebbe verificato il crollo di una parte di palazzina oggetto di ristrutturazione. Poi intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Finale Ligure, l’unità cinofila sempre dei pompieri da Savona, i militi dell’emergenza sanitaria e i carabinieri per i rilievi del caso. (Continua a leggere dopo la foto)


Stando alle prime informazione, un uomo travolto dal materiale distaccatosi dallo stabile, avrebbe perso la vita. Una seconda persona è stata trasportata in evidente stato di choc all’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure. Il crollo è avvenuto in via Caviglia, dietro la chiesa parrocchiale e al municipio. (Continua a leggere dopo la foto)

Si dovrebbe trattare di un complesso di tre case, quella coinvolta dal cedimento era stata acquistata dalla vittima, originario di Cavallermaggiore, ma residente a Tovo da anni. Sarebbe crollata una parete dei vicini. Le famiglie residenti nelle abitazioni adiacenti sono state evacuate. (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}
Secondo quanto ricostruito fino a questo momento, una delle ruspe che si stava occupando di effettuare lo scavo per il rafforzamento della fondamenta è stata travolta da materiale distaccatosi dallo stabile adiacente. Stando al racconto di un operaio, mentre l’intervento era in corso sulla parete dell’edificio si sarebbe aperta una profonda crepa, alla quale sarebbe poi seguito il crollo.

Ti potrebbe anche interessare: “Ecco com’è morto mio padre”. Maria Teresa Ruta, una fatalità assurda: “È rimasto lì”

Pubblicato il alle ore 13:01 Ultima modifica il alle ore 13:02