Coronavirus, autocertificazioni anche dopo il 4 maggio: ecco perché

“Adesso inizia per tutti la fase di convivenza con il virus. Dobbiamo essere consapevoli che nella fase 2 la curva del contagio potrà risalire in alcune aree del paese. Il rischio c’è, dobbiamo affrontarlo con metodo e rigore”. Sono le parole del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che in serata ha firmato il nuovo Dpcm con le nuove misure per la graduale uscita dal lockdown. Le disposizioni saranno valide fino al 17 maggio prossimo.

“Questo piano parte dal 4 maggio, è ben strutturato, ben articolato, ben pensato. Dovremo adottare precauzione e utilizzare dispositivi di protezione. Il commissario Arcuri con ordinanza interviene per calmierare i prezzi delle mascherine: non vogliamo distorsioni, vogliamo un prezzo equo. C’è il forte impegno del governo a eliminare completamente l’Iva, il prezzo dovrebbe essere attorno a 0,50 per le mascherine chirurgiche”. (Continua a leggere dopo la foto)


“Sono consentiti solo gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute e si considerano necessari gli spostamenti per incontrare congiunti purché venga rispettato il divieto di assembramento e il distanziamento interpersonale di almeno un metro e vengano utilizzate protezioni delle vie respiratorie”. (Continua a leggere dopo la foto)

“In ogni caso – si legge nel testo – è fatto divieto a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, in una regione diversa rispetto a quella in cui attualmente si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute; è in ogni caso consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza”. (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}

“È chiaro che nel momento in cui il regime degli spostamenti resta limitato, è difficile che si possa eliminare l’autocertificazione. Resterà finché ci saranno delle limitazioni”, ha spiegato il premier Giuseppe Conte durante la conferenza stampa del 26 aprile.

“Da 2 mesi senza parrucchiere”. La ‘nuova’ Milly Carlucci non ha paura di mostrarsi: tutti a bocca aperta