Dal sangue dei cartaginesi l’incanto di Cala rossa

Una cosa di Favignana è certa: il photoshop potrebbe anche non esistere. I colori delle sue spiagge sono reali, mai trucchi di agenti turistici. Isola tranquilla, che vive la sua vita incurante della movida di altre isole minori della Sicilia. Le uniche urla che Favignana era abituata ad ascoltare provenivano dalle tonnare. Il resto è rimasto tutto com’era e anche la Cala rossa, indubbiamente la sua spiaggia più bella, è quella dei tempi dei romani. Rossa con quel turchese? In ricordo della storia antica, del sangue versato dai cartaginesi, sconfitti dai romani durante la prima Guerra punica, nel 241 a.C. Con buona pace dei guerrieri il colore dell’acqua ha qualcosa di celestiale e vira tra l’azzurro intenso e un brillante turchino.