Era uno degli idoli della nostra infanzia, ma ora lo ritroviamo così. Irriconoscibile, non sembra la stessa persona. E nei suoi occhi si nota tristezza… Già, è proprio lui

 

Il tempo non fa sconti a nessuno e certo neanche a Gene Wilder, oggi adorabile 83 enne che però conserva ancora quegli irresistibili occhi color ghiaccio. Hanno mantenuto sempre lo stesso scintillio tipico di quello sguardo intenso che ha caratterizzato la sua carriera, nonostante siano passati 40 anni dal suo momento migliore. L’attore di consacrò alla fine degli anni ’70, dopo aver ottenuto una nomination agli Oscar per l’opera prima di Mel Brooks “Per favore, non toccate le vecchiette”.

Da quel momento per lui sono arrivate una serie d’interpretazioni che hanno rappresentano (e rappresentano tutt’ora) la storia del cinema.


(Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}

Quarantacinque anni fa usciva il film “Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato”. La celebre pellicola diretta da Mel Stuart e ispirata al romanzo di Roal Dahl, ha conquistato il pubblico di tutte le età anche grazie alla grande interpretazione di Wilder, sebbene il film fosse stato dichiarato un flop commerciale. Dopo Willy Wonka, Woody Allen chiama Wilder per “Tutto quello che avreste voluto sapere sul sesso (ma non avete mai osato chiedere)”. Prosegue il sodalizio con Mel Brooks con il famosissimo “Frankenstein Junior”, il film che risolleva la carriera del regista, dopo due film non andati brillantemente, e tiene in alto quella di Wilder. Ma la svolta cinematografica arriva con il sodalizio artistico formato da Richard Pryor e Gene Wilder: i due hanno fatto coppia fissa in 4 film. Nel 1976 “Wagon lits con omicidi”, mentre nel 1980 Sidney Poitier ricostituisce la coppia per un grande successo commerciale in America, “Nessuno ci può fermare”. Gli ultimi due film trovano grande successo in Italia: “Non guardarmi: non ti sento” uscito nel 1989 e “Non dirmelo… non ti credo”.

(Continua a leggere dopo la foto)

 

Oltre che alla carriera cinematografica,Wilder ha fatto parlare di sé anche per i tanti amori vissuti: si è sposato ben quattro volte. Dal 1960 al 1965 con Mary Mercier, dal 1967 al 1974 con Mary Joan Schutz. Dopo il secondo divorzio ha incontrato e sposato l’attrice e collega Gilda Radner, ma l’attrice morì nel 1989 in seguito a un cancro alle ovaie. Nel 1991 si è sposato con Karen Boyer con cui sta ancora. Wilder si è ritirato dall’attività nel 1999, quando ha fatto la sua ultima apparizione in “Will e Grace” nel ruolo di Mr. Stein.

Woody Allen e gli scheletri nell’armadio, Mariel Hemingway: “Cercò di sedurmi quando ero minorenne”

Pubblicato il alle ore 09:19 Ultima modifica il alle ore 11:33