Non c’è pace per Giordano Bruno

Nei giorni scorsi è rimbalzata su diversi giornali la notizia di una possibile riabilitazione di Giordano Bruno, il grande filosofo ex frate domenicano condannato dalla Chiesa per le sue teorie e arso sul rogo il giovedì 17 febbraio 1600 a Campo de’ Fiori, a Roma. Frei Betto, domenicano brasiliano ha affermato in un’intervista di aver parlato con Papa Francesco e di avergli chiesto di riabilitare ufficialmente il filosofo nolano, ricevendo dal pontefice un invito a pregare, invito interpretato come un segno che lasciava ben sperare. Evidentemente i segni lanciati da Papa Francesco sono stati travisati se quest’ultimo ha fatto intervenire l’Osservatore Romano, il quale ha riportato che il pontefice ha davvero incontrato Frei Betto, ma giusto il tempo del baciamano al termine dell’udienza generale del mercoledì, come con altri mille fedeli. Non c’è stata alcuna udienza privata, dunque, tantomeno discussioni su Giordano Bruno e sulla sua ipotetica riabilitazione.