“Come faccio ora senza di te?”. Lutto per Fabrizio Corona. Il messaggio di dolore dopo aver appreso la notizia

Lutto per Fabrizio Corona. Non trattiene le lacrime l’ex re dei paparazzi afflitto dopo aver appreso la notizia della morte di Severina Panarello. La responsabile dell’Ufficio per l’esecuzione penale esterna muore a 58 anni dopo la dura lotta contro una malattia incurabile scoperta lo scorso marzo. Severina ha messo tutta se stessa durante i colloqui con i condannati, tra cui anche nomi illustri. Il messaggio di dolore di Fabrizio Corona è una prova del suo impegno e dedizione.

Nella sua carriera ha fatto in modo di prestare sempre grande professionalità e dedizione. Davanti a lei, anche personaggi illustri come Silvio Berlusconi e appunto Fabrizio Corona, che le dedica parole di ammirazione non senza un profondo senso di dolore non appena appresa la notizia della morte: “Le ho voluto bene come una madre. Ho pianto solo con lei, davanti a lei, per gioia, dolore, emozione, sconforto”.


Il messaggio di Fabrizio Corona per Severina Panarello continua: “Ha vissuto per tutti noi detenuti, affinché venissero riconosciute le pene alternative come un valore della costituzione per ricominciare nel modo giusto una nuova vita. Mi ha insegnato a credere nella giustizia governata da persone uniche e oneste come lei. Ho capito con lei che il bene esiste che i valori sono importantissimi”.

“È stata il mio punto di riferimento per più di dieci anni. Come faccio ora senza di lei? Ho un vuoto enorme e una grande sofferenza. le voglio un bene immenso ‘doc’. Buon viaggio dottoressa continua a proteggerci da lassù”. Ed è proprio con Severina Panarello che l’ex re dei paparazzi ha avuto modo di confrontarsi in questi ultimi anni che nella vita di Fabrizio Corona hanno certamente rappresentato un duro banco di prova e di ‘resistenza’.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Fabrizio Corona (@fabriziocoronareal)

Severina Panarello verrà sempre ricordata per la sua umanità. La 58enne, responsabile dell’Ufficio per l’esecuzione penale, ha avuto modo di seguire dal punto di vista professionale anche il caso di un altro personaggio illustre, ovvero Silvio Berlusconi, che finì ai servizi sociali in seguito alla condanna per il processo per la frode fiscale a Mediaset. Severina lascia un vuoto incolmabile nel cuore di familiari, amici e colleghi.

Uccide il migliore amico e confessa l’omicidio su Facebook, Alberto muore dopo un mese di agonia