“Barcollavo, mi fischiavano le orecchie…”. Daniele De Rossi, le sue prime parole dopo il ricovero in ospedale

Daniele De Rossi non è in buonissime condizioni di salute ed è stato ricoverato all’ospedale ‘Spallanzani’ di Roma per un peggioramento del suo stato clinico. L’ex centrocampista della Roma è stato colpito da una forma più forte di coronavirus e non è stato dunque possibile continuare le cure da casa. Si è reso necessario il suo trasferimento nel nosocomio della capitale, dove è attenzionato dai medici. E poche ore fa ha finalmente rotto il silenzio, parlando per la prima volta.

I sanitari che lo stanno curando avevano riferito in precedenza per voce di Francesco Vaia, direttore sanitario dell’Istituto Spallanzani: “Le sue condizioni sono attualmente buone e posso dire che siamo ottimisti”. Dopo aver effettuato alcuni accertamenti medici, come una tomografia computerizzata nel reparto di radiologia del San Camillo, ha scelto di recarsi presso lo Spallanzani dopo il suggerimento dei dottori, che gli hanno consigliato in via precauzionale il trasferimento. (Continua dopo la foto)


Come riportato dall’agenza ‘Dire’, Daniele De Rossi ha voluto inviare un messaggio per tranquillizzare tutti i suoi amici e tutte le persone che gli vogliono bene. Sono stati davvero tantissimi i messaggi di affetto e vicinanza da parte anche di gente comune, che gli ha augurato una pronta guarigione. Il componente dello staff della Nazionale azzurra è rimasto contagiato a causa di un focolaio scoppiato tra gli azzurri, infatti si sono infettati anche diversi calciatori che hanno affrontato le qualificazioni Mondiali. (Continua dopo la foto)

Queste le prime parole dell’ex capitano giallorosso: “Sono venuto perché avevo troppi sintomi che non andavano via e anzi peggioravano. Ieri mattina mi sono alzato dalla sedia normalmente e ho avuto un mezzo mancamento, mi fischiavano le orecchie, sentivo tutto ovattato, ho mezzo barcollato e ho chiesto di fare un controllo. Sono allo Spallanzani, ho una polmonite interstiziale bilaterale, non ad un livello gravissimo ma c’è. Era meglio se non ce l’avessi”, ha esordito De Rossi. (Continua dopo la foto)

Daniele De Rossi ha concluso il suo intervento, dicendo: “Soprattutto mi hanno detto che se non fossi venuto, insomma…Non è uno stadio al limite, ma neanche un Covid da curare a domicilio”. Fortunatamente adesso la situazione è sotto controllo, anche se ovviamente era necessario controllare i suoi parametri in ospedale. Ora la speranza è che possa guarirsi il prima possibile dalla polmonite.

“Come sta Daniele De Rossi”. Il bollettino ufficiale dei medici: le condizioni del calciatore ricoverato in ospedale