Covid, cosa sta succedendo in 10 regioni italiane. La situazione cambia

Così come spiegato da repubblica.it. Il calo dei contagi ha rallentato, diventando quasi una stabilizzazione. I contagi da coronavirus in Italia nella settimana scorsa sono stati 109.402 contro i 113.197 dei sette giorni prima. Dunque pare proprio si sia trattata di una riduzione del 3,3%.

Una diminuzione della percentuale abbassatasi di molto rispetto a quelle precedenti che erano state del 17, del 17,7, del 23,5 e del 10,6%. Il covid quindi è ancora ben radicato in tutto il Paese, che si è attrezzato ad affrontare le festività natalizie con nuove restrizioni, tra una ragnatela di zone rosse e arancioni a cui è difficile sfuggire. (Continua dopo le foto)


Tra le pagine di repubblica.it si apprende che, mentre la settimana scorsa solo il Vento non vedeva il suo indice di contagio in calo, ora la tendenza a risalire, anche se non di tanto, pone sotto la lente d’ingrandimento ben 11 Regioni: Basilicata (da 448 a 571), Liguria (da 1.870 a 1.927), Marche (da 2.369 a 2.594), Sardegna (da 1.959 a 2.130), Val d’Aosta (da 139 a 168), Calabria (da 1.270 a 1.356), Emilia-Romagna (da 10.302 a 10.798), Lazio (da 9.022 a 9.361), Lombardia (da 14.684 a 15.435), Molise (da 377 a 385) e Provincia di Trento (da 1.429 a 1.444). Il Veneto invece è praticamente rimasto fermo, visto che è passato da 25.846 a 25.798. (Continua dopo le foto)

Sulla variante inglese del nuovo ceppo di Coronavirus: “C’è stato troppo rumore per un qualcosa peraltro senza fondamento scientifico; l’annuncio è del ministero inglese, ma senza una pubblicazione scientifica su una rivista ‘peer-review’”. Lo sottolinea all’Adnkronos Salute l’infettivologo Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova e componente dell’Unità di crisi Covid-19 della Liguria, commentando la pericolosità della variante di Sars-CoV-2 scoperta nel Regno Unito.

18enne finisce in carcere per aver violato le norme anti Covid. Voleva stare col fidanzato, condannato anche lui