Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“È lui, è morto”. L’attore famoso trovato in auto. La scomparsa finisce nel peggiore dei modi

  • Cinema
Lee Sun-kyun, trovato morto l'attore di Parasite

Cinema in lutto per la prematura scomparsa dell’attore premio Oscar. La notizia è stata confermata dai quotidiani locali dopo il ritrovamento del cadavere da parte della polizia. Gli agenti stavano cercando l’attore su richiesta dei familiari che avevano trovato un suo messaggio che poteva lasciar intendere la sua intenzione di suicidarsi.

La polizia ha prima comunicato di aver trovato l’attore privo di sensi, ma in seguito ne ha confermato la morte. Il 48enne è stato trovato all’interno di un suv nel centro della capitale, si legge sulla stampa locale che ha citato la polizia. Nel 2021 l’attore era stato insignito dello Screen actors guild per la pellicola vincitrice degli Oscar.

“Non ti dimenticheremo mai”. Lutto nel cinema e nella tv, il famoso attore sconfitto dalla malattia

Lee Sun-kyun, trovato morto l'attore di Parasite


Lee Sun-kyun, trovato morto l’attore di Parasite

Nel 2022 Lee Sun-kyun aveva ricevuto la nomination come miglior attore agli International Emmy awards per la sua interpretazione nel thriller di fantascienza “Dr. Brain”. Ha raggiunto la notorietà internazionale grazie a “Parasite“, sotto la direzione di Bong Joon-ho. Il suo ultimo film “Sleep”, dove interpreta il ruolo di un marito sonnambulo che terrorizza la moglie, è stato presentato quest’anno fuori concorso al Festival di Cannes.

Lee Sun-kyun, trovato morto l'attore di Parasite

Lee Sun-kyun era indagato perché sospettato di fare uso di cannabis e altri farmaci psicotropi. Dopo questo scandalo l’attore non è stato più invitato in televisive e i contratti pubblicitari si sono bloccati. Aveva parlato con i giornalisti alla fine di ottobre prima di un interrogatorio in una stazione di polizia nella città di Incheon, vicino a Seul.

“Mi scuso sinceramente per aver deluso molte persone essendo coinvolto in un incidente così spiacevole. Mi dispiace per la mia famiglia che sta sopportando un dolore così difficile in questo momento”, aveva detto l’attore. La legge sudcoreana è molto severa per quanto riguarda l’uso di droghe. Sono previste addirittura pene detentive per coloro che ritornano in Corea del Sud dopo aver consumato legalmente cannabis all’estero.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004