Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Black Hand, il Bansky iraniano sfida gli Ayatollah

Si firma Black Hand, lo chiamano il Bansky iraniano. Anonimamente, dipinge sui muri la sua protesta, sfidano i tanti divieti degli ?yatoll?h. Così, durante i Mondiali, è apparsa nel centro di Teheran una giovane con la maglietta della nazionale, che col capo velato solleva l’unica coppa concessa da un regime maschilista: un flacone di detersivo per i piatti. Subito cancellata, l’opera di Black Hand è riuscita comunque a fare il giro del mondo, rilanciata sui social network da una generazione che non si arrende al pensiero unico.



Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004