Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Uova ritirate dalla vendita, avviso del ministero della Salute: “Non vanno consumate”. Marca e lotti

  • Italia
uova ritirate mercato ministero salute

Alcuni lotti di uova sono stati ritirati dai supermercati a seguito di una nota del Ministero della Salute riguardante una sospetta contaminazione biologica. Le uova interessate sono del marchio Vanzelli, prodotte dall’azienda agricola di Sant’Angelo di Piove, in provincia di Padova.

Il 21 giugno, il Ministero della Salute ha emesso un avviso di richiamo per le uova dell’azienda agricola Vanzelli Gino, commercializzate in vari supermercati. Secondo l’avviso, le uova sono state segnalate per “sospetta contaminazione microbiologica”.

Leggi anche: Ritirato dalla vendita il Nutella gelato, la decisione del ministero della Salute

uova ritirate mercato ministero salute


Attenzione a questi lotti: i clienti non devono consumare le uova

Sebbene il tipo di contaminazione non sia stato specificato, il richiamo mira a prevenire qualsiasi rischio per i consumatori. I lotti interessati sono:

  • Confezione da 6 uova, con scadenza dal 15/07/2024 al 19/07/2024
  • Confezione da 10 uova, con scadenza dal 15/07/2024 al 19/07/2024
  • Confezione da 30 uova (1600g), con scadenza dal 15/07/2024 al 19/07/2024

Il marchio di identificazione dello stabilimento è IT R8834 CE, riferito all’Azienda Agricola Vanzelli Gino, situata in via dei Kennedy 59 a Sant’Angelo di Piove, Padova. Per tutti e tre i formati, l’avviso di richiamo raccomanda ai clienti di non consumare il prodotto.

uova ritirate mercato ministero salute

La sicurezza alimentare è una priorità per il Ministero della Salute, che vigila attentamente sulla qualità dei prodotti venduti nei supermercati. Questo sistema di controllo è supportato dagli operatori del settore alimentare (Osa), i quali devono informare i clienti su eventuali non conformità riscontrate nei loro prodotti e procedere con il ritiro dal mercato se necessario.

In caso di prodotti già venduti, l’Osa deve attuare il richiamo, informando i consumatori sui prodotti a rischio attraverso cartelloni nei punti vendita e pubblicando il richiamo nell’area dedicata del portale del Ministero della Salute.

“Oddio ma che roba è”. Choc nei cieli italiani, il mistero del fascio di luce: “È durato mezz’ora”. Le ipotesi


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004