Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Incidente choc, l’autobus dei pellegrini precipita nel burrone. Ci sono tanti morti e feriti

  • Storie
India, attacco armato a un autobus di pellegrini. Il mezzo precipita: 9 morti

Almeno nove persone sono morte e altre 33 ferite dopo che un autobus che trasportava pellegrini è precipitato in un burrone. L’incidente è avvenuto domenica mattina vicino alla città di Reasi, nel sud del territorio, mentre l’autobus stava tornando da un importante santuario della zona. Sul posto sono intervenuti i soccorritori, i vigili per estrarre le vittime e i feriti dalle lamiere contorte del mezzo.

E ancora i militari dell’Esercito per presidiare la zona. La scena che i soccorritori si sono trovati davanti agli occhi è stata terribile. Dopo il volo dal cavalcavia, il mezzo che trasportava i pellegrini era in parte distrutto con le persone intrappolate al suo interno. I soccorritori e alcuni volontari sono intervenuti per estrarre le persone ferite fuori dall’autobus. Purtroppo nove persone sono morte, per loro non c’è stato niente da fare.

“Follia pura”. Strage in famiglia: uccide lo zio e spara al cugino. Carabinieri e ambulanze sul posto

India, attacco armato a un autobus di pellegrini. Il mezzo precipita: 9 morti


India, attacco armato a un autobus di pellegrini. Il mezzo precipita: 9 morti

“I militanti hanno teso un’imboscata all’autobus e hanno sparato contro di esso indiscriminatamente. L’autobus è caduto in un burrone provocando la morte di nove pellegrini e il ferimento di 33″, ha detto ai giornalisti il ​​capo della polizia del distretto di Reasi, Mohita Sharma. L’autobus è stato infatti attaccato da alcuni ribelli e solo dopo è precipitato nel burrone.

India, attacco armato a un autobus di pellegrini. Il mezzo precipita: 9 morti

Loperazione di salvataggio è stata completata e che i feriti sono stati portati all’ospedale di Narayana e all’ospedale distrettuale di Reasi. L’autobus stava trasportando pellegrini al campo base del tempio indù Mata Vaishno Devi quando è stato attaccato, ha detto l’alto funzionario amministrativo Vishesh Mahajan. Il presidente del partito di opposizione indiano Mallikarjun Kharge ha condannato il “raccapricciante attacco terroristico” in un post sulla piattaforma di social media X.

La regione dell’Himalaya , rivendicata anche dal Pakistan, è stata tormentata dalla violenza dall’inizio di una ribellione armata nel 1989. Decine di migliaia di persone sono state uccise, anche se la violenza è diminuita negli ultimi anni.

L’India accusa il Pakistan di sostenere e armare i ribelli nel Kashmir, un’accusa negata da Islamabad. L’ultimo grande attacco contro i pellegrini indù nella regione è avvenuto nel 2017, quando fu preso di mira un autobus che uccise otto persone. L’attacco di domenica arriva il giorno dopo che il capo della polizia RR Swain ha dichiarato che il numero di combattenti locali nel territorio è in calo, ma restano attivi 70-80 combattenti stranieri.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004