Sport in lutto, il Covid si prende la vita del campione. 30 anni, pochi giorni fa l’ultimo messaggio

“Mi indurranno al coma a causa di un guasto ai polmoni che mi affligge. Vediamo se questo corpo non è arrugginito e può svegliarsi ancora una volta. Posso solo ringraziare la mia famiglia, fratellino, mamma, papà per tutto e più amici per il loro sostegno. Con questo dico addio fino alla fine di questa tappa da regina. Saluti e benedizioni a tutti”.

Così aveva scritto lo scorso 7 maggio. Da quella battaglia non si è più svegliato. Il ciclista pluripremiato ai Campionati Panamericani su pista, è morto all’età di 30 anni a causa di una trombosi polmonare derivata da COVID-19, pochi giorni dopo aver annunciato che sarebbe stato indotto in coma. Avrebbe compiuto 31 anni il 24 maggio, ha trascorso diversi giorni in ospedale e la sua famiglia ha denunciato la sua morte lunedì dopo la mezzanotte.


Cristopher Mansilla, cileno di cuore e di testa, non era uno sconosciuto nel mondo delle due ruote che oggi lo piange. Aveva vinto ai Campionati Panamericani di ciclismo due ori nei test Madison (2011 e 2012), un argento in Scratch (2011) e un altro in Omnium (2014), oltre a due bronzi in Scratch (2014 e 2015). Inoltre, aveva vinto un oro nel 2008 e un bronzo nel 2009 nella specialità sprint a squadre.

Un campione, Christopher Mansilla, che non è riuscito a scalare l’ultima salita. Tanti i messaggi di sostegno arrivati alla famiglia. “Siamo profondamente dispiaciuti per la partenza del nostro amato ciclista Cristopher Mansilla, che ci ha lasciato ieri sera a soli 30 anni”, ha lamentato martedì il ministro dello sport cileno Cecilia Pérez.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Benjamin Hites 🇨🇱 (@benjahites)


Il Comitato Olimpico cileno ha pubblicato sui suoi account sui social media: “Riposa in pace. Dal Team Chile ci rammarichiamo per la morte sensibile di Christopher Mansilla, un eccezionale ciclista di soli 30 anni e pluripremiato panamericano”. “La lotta di mio cugino Cristopher contro questa dannata creatura è finita”, ha pubblicato un cugino dell’atleta.

Ti potrebbe interessare: Cinema in lutto: morto a 106 anni il famoso attore. I suoi film hanno fatto la storia