Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Raoul Bova inedito: “Mi sveglio e lo faccio nel cuore della notte”

Ultimamente si è parlato di Raoul Bova per via della sua “trasformazione”. L’attore, che sul red carpet della Festa del cinema di Roma è effettivamente apparso molto dimagrito, ha poi confidato di aver perso 20 kg.

A Tv Sorrisi e Canzoni ha svelato che una serie di eventi negativi come la perdita di entrambi i genitori, morti a distanza di un anno e mezzo l’uno dall’altra (il padre Pino è scomparso a gennaio 2018, la madre Rosa a novembre 2019, ndr) e la frattura di una gamba gli hanno fatto perdere l’equilibrio portandolo quindi a prendere peso. Raoul ha quindi cambiato stile di vita, ha deciso di ritrovare la forma e la serenità e ora le cose sono decisamente migliorate. Ora, altre confidenze inedite di uno degli attori più fascinosi e amati. (Continua dopo la foto)


Raoul Bova si è raccontato in un’intervista rilasciata nel programma radiofonico ‘I Lunatici’ e rivelato di avere degli “istinti notturni”. Ogni tanto, infatti, gli capita si svegliarsi di notte e di mangiare in maniera vorace, addirittura “svuotando il frigo”. “Ci sono periodi e periodi, di solito la mia notte è vivace, provo ad andare a dormire ma poi mi sveglio inevitabilmente, a volte penso, a volte scrivo, a volte mangio e svuoto il frigorifero”, ha fatto sapere il 49enne. (Continua dopo la foto)

“È una cosa bellissima – ha aggiunto – perché la notte poi ti genera il mangiare vorace, l’istinto, però in linea di massima cerco poi di tornare a dormire una volta mangiato e proseguire fino alle sei, le sette del mattino”. Inoltre, sempre durante lo show di Radio2, Bova ha anche ripercorso le difficoltà vissute all’inizio della carriera, quando i suoi genitori non appoggiavano la scelta di fare l’attore. (Continua dopo le foto)

{loadposition intext}
“Inizialmente era una cosa futile, non concreta, ai miei tempi era importante il pezzo di carta, il posto fisso, il diploma, l’università, andare in giro con un titolo di studio ti dava importanza. Invece l’attore era l’emblema dell’instabilità, ci sono carriere che iniziano e finiscono con un film solo. Mia mamma mi chiese di continuare a studiare. Facevo l’attore come hobby. Facevo il mio Isef e il cinema come secondo lavoro”.

“Non volevo dirlo…”. Melissa Satta e il figlio Maddox, l’annuncio solo ora. Tutti spiazzati