“Ci ha provato con me, voleva altro”. Paolo Bonolis, la proposta indecente del cantante

Paolo Bonolis, tornato alla guida del suo seguitissimo “Avanti un altro!” su Canale 5 (dall’11 aprile il programma arriverà inoltre in prima serata di domenica, sempre su Canale 5, e andrà a sostituire ‘Live – Non è la D’Urso‘) si è raccontato al Messaggero con un’intervista che ha toccato diversi temi.

Dalla famiglia al lavoro, passando per l’amore, i programmi che l’hanno reso celebre e qualche gossip mai raccontato. Un colloquio intimo, quello del presentatore, che alla domanda del giornalista “Qual è la cosa più pesante della sua vita?”, risponde: “Nostra figlia Silvia ha le sue problematiche di salute, a 18 anni il problema persiste, ma con il suo sorriso è più facile affrontarlo”. La ragazza negli anni si è sottoposta ad un lungo percorso di riabilitazione, fatto di sedute di fisioterapia e logopedia, è migliorata moltissimo. (Continua a leggere dopo la foto)


Poi le parole sul collega di sempre e amico. “Lui è The dark side of the moon. Molti pensano ma c’ è o ce fa? C’è – ha detto Bonolis riferendosi al suo storico compagno di avventura nell’intervista rilasciata al Messaggero -. Legge la vita diversamente da noi: mi snellisce la vita con l’imprevedibilità. Io non so mai cosa fa. È la mia via di fuga, Luca”. (Continua a leggere dopo la foto)

“Sono stato un pioniere, le idee sembravano davvero opportunità. Oggi mi dicono che è stato fatto tutto, tutto arato: si fa tv stanziale, da coltivatore… – ha poi detto parlando della televisione – Il fatto è che improvvisando, senza conoscere chi entra in studio, è come aprire ogni volta un nuovo sipario. Poi lo sforzo è quello di rendere tutto più leggero possibile. Difficilissimo alleggerire il clima, specie ora. E dà gusto proprio questo. Come l’essere pop”.

E sul pupazzo Uan di Bim Bum Bam, finito in Stranger Things su Netflix, ha detto: “Non si butta niente. A Uan devo qualcosa: il carattere di un personaggio che stravolgeva la realtà trovando una ragione dove non c’era”. (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}

Poi la bomba su uno dei miti del mondo della musica, il leader dei Queen Freddie Mercury. “Mi fece capire che voleva trascorrere tempo con me, ma io gli ho fatto capire che non volevo. Mi chiese l’ indirizzo, diedi quello di mia madre: un anno e mezzo dopo mi fece avere due biglietti per il famoso concerto di Wembley. Fu uno spettacolo davvero strepitoso”.

“Certo che l’ho conosciuto, – aveva racontato tempo fa a Mara Venier – ho avuto il piacere. Io ero a cena e lui quando mi ha visto è venuto a sedersi al mio tavolo. Lui voleva continuare la serata, ma a me non andava. Io ho un’altra natura. […] Io per i Queen andavo fuori di zucca, lui era un frontman straordinario, artista meraviglioso. Lui si è messo accanto a me, io parlavo inglese molto bene all’epoca. Tra le pieghe della discussione io ho capito che lui voleva arrivare ad altro. Gli ho spiegato quanto fosse tutto bello, ma ognuno ha i gusti suoi e ho detto di no. Lui è stato carinissimo e si è messo a ridere”.

“Prendete carta e penna e segnate”. Detto Fatto, l’annuncio di Bianca Guaccero dopo la decisione della Rai