Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“Dovremmo scusarci con Memo Remigi”. Dopo la bufera, la vip difende il cantante

Continua a far discutere il caso dell’allontanamento di Memo Remigi da Oggi è un altro giorno. Il cantante è stato sospeso dalla Rai dopo che in rete ha iniziato a circolare un video in cui si nota Memo Remigi palpeggiare Jessica Morlacchi, ospite fissa del programma condotto da Serena Bortone: “A seguito di un comportamento in violazione del Codice Etico dell’Azienda, la Direzione Day Time aveva già deciso lo scorso sabato 22 ottobre la sospensione delle presenze nella trasmissione che è stata comunicata all’interessato. La Commissione stabile per il Codice Etico dell’Azienda ha confermato la violazione delle norme”.

In apertura della puntata di Oggi è un altro giorno del 27 ottobre Serena Bortone ha annunciato l’esclusione di Memo Remigi: “Come avrete notato, da lunedì Memo Remigi non fa più parte del nostro gruppo di lavoro. Remigi, in questo studio, si è reso responsabile di un comportamento che non può essere tollerato in questo programma, in questa azienda e per quanto mi riguarda in nessun luogo”.

Leggi anche: Ospite in mutande, imbarazzo a Oggi è un altro giorno. E Serena Bortone senza parole

oggi è un altro giorno memo remigi


Caterina Collovati difende Memo Remigi dagli attacchi

Nella giornata di ieri – 28 ottobre – Jessica Morlacchi ha rotto il silenzio sui social e ha preteso le scuse di Memo Remigi: “Questo è il post che non avrei mai voluto scrivere – spiega sui social Jessica Morlacchi – ma adesso vivo una situazione di tale dispiacere e disagio che ho deciso di rompere il silenzio e dire la mia sulle conseguenze di quel video che tutti avete visto e che ora mi sottopone a una pressione mediatica che non auguro a nessuno. Quando Remigi ha fatto scivolare la sua mano sul mio fondoschiena, ho provato un disagio enorme ma come si vede l’imbarazzo non mi ha impedito di reagire immediatamente e con decisione. Eravamo in diretta e non potevo fare altro che schiaffeggiare e tirar su quella mano”.

oggi è un altro giorno memo remigi palpata jessica morlacchi

A schierarsi dalla parte del cantante ci pensa Caterina Collovati, la moglie dell’ex calciatore della Nazionale, che su Instagram ha scritto un post in difesa di Memo Remigi: “Memo Remigi, classe 1938, signore gentile, d’altri tempi, cantante e compositore di testi che hanno fatto innamorare migliaia di coppie – afferma Collovati – è nel mirino delle critiche, perché reo in diretta tv di aver toccato il lato B di tale Jessica Morlacchi, cantante, sua collega nel programma di Rai 1 ‘Oggi è un altro giorno’. Mi rifiuto di vedere del torbido in quella mano rugosa, che dopo aver cinto la vita della collega per la posa imposta dalla scena, cade avvizzita lungo il fianco della cantante”. “L’unica palpata degna di nota Memo Remigi la riserva ai tasti del pianoforte che suona ancora magistralmente”, prosegue la giornalista.

caterina collovato difende memo remigi
caterina collovati criticata per post su memo remigi

Poi, in riferimento al licenziamento di Memo Remigi conclude: “Lui da signore pacato ha incassato il licenziamento senza opposizione, bensì scusandosi per quel gesto che avrebbe irritato la collega. Io dico che a ricevere le scuse, da coloro che hanno tendenziosamente frainteso il suo gesto, dovrebbe essere lui. Quanta ipocrisia e moralismo inutile; un Paese che non sa difendere le donne da uomini che maltrattano, da uomini che stuprano, ma sa benissimo umiliare le persone perbene”. Sui social Caterina Collovati è stata criticata per le sue affermazioni: “Non diciamo st***e! Si vede benissimo che inizia dal braccio e poi va giù e palpa sul sedere ma a parte 80 anni non capisce il gesto? Come si permette?”, scrive un utente a cui fa eco un altro: “Le mani non cadono per caso…e non devono cadere per caso”.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004