Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“Non ha avuto scelta”. Michael Schumacher, la difficile decisione della moglie Corinna

  • Sport

Sono passati già oltre dieci anni da quel maledetto 29 dicembre 2013, il giorno in cui Michael Schumacher ebbe un terribile incidente sulle piste da sci di Méribel, in Francia. Un destino beffardo, per lui che ha vissuto senza il minimo imprevisto o incidente l’esperienza della folle velocità della Formula 1, sino a divenire uno dei piloti più forti di tutti i tempi. Da allora, dopo diversi mesi in coma farmacologico, è ridotto a uno stato vegetativo, tenuto in vita da macchine speciali.

Di certo ha guadagnato bene durante la sua carriera, ma le cure e la terapia che lo tengono in vita hanno dei costi elevatissimi persino per la sua famiglia, portando la moglie Corinne alla drastica decisione di vendere gran parte del patrimonio di famiglia (aereo privato compreso). Una stima effettuata dal tabloid britannico The Sun racconta che le cifre spese, in questi dieci anni e mezzo, si aggirano oltre i 70 milioni di euro.

Leggi anche: “Così chiamo mio figlio”. Fabrizio Corona, i nomi che ha scelto con Sara: “La voglio femmina”


Quanto costano (tantissimo) le cure di “Schumi”

Il calcolo è semplice: la moglie e i figli dell’ex campione del mondo di Formula 1 starebbero pagando circa 7 milioni di euro all’anno per continuare a sostenere le cure di cui ha bisogno Schumi, ancora secondo The Sun. E così Corinna, dando la dimostrazione pratica del significato della parola “amore”, ha già provveduto alla vendita della collezione di orologi di lusso, in questo mese di maggio: sono stati messi all’asta a Ginevra e venduti per 4,4 milioni di euro.

Il patrimonio in vendita

Inoltre, ha provveduto alla cessione del jet privato  (31,6 milioni il costo) e di una residenza in Norvegia: i proventi sono serviti per l’acquisto della villa di Maiorca di Florentino Perez, il presidente del Real Madrid, e dei terreni circostanti, fondamentali per isolare e curare al meglio Schumi. Poi, nelle ultime settimane, la moglie del pilota ha anche provveduto con la liquidazione della residenza di lusso sul lago di Ginevra. Solo tra gli orologi, un Patek Philippe modello 1948 di cui furono realizzati solo 58 esemplari in tutto il mondo, venduto a 2,5 milioni.

Come sta il pilota. Cosa sappiamo

L’ultimo aggiornamento sulle condizioni in cui versa al momento Micheal Schumacher risale addirittura al 2019, e si trattava di una dichiarazione rilasciata dalla famiglia, che ha sempre tutelato la riservatezza propria e di Michael stesso. “Potete stare certi che siete ancora nelle migliori mani e che stiamo facendo tutto il possibile per aiutarvi. Vi preghiamo di comprendere che stiamo seguendo la volontà di Michael e per questo manteniamo privata una questione delicata come la sua salute”.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004