Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Saman Abbas, la scoperta sui resti trovati sottoterra

  • Italia

“Io la immobilizzavo per le gambe mentre Danish e l’altro cugino la soffocavano”. Sono le terribili parole di Ijaz, il cugino di Saman Abbas, la 18enne scomparsa a Novellara lo scorso aprile. Da questa intercettazione si è risaliti al modo in cui è stata uccisa la ragazza perché avrebbe rifiutato un matrimonio combinato. Le frasi di Ijaz sono state riportate dal Corriere della Sera. “Parlerò, giuro su Allah, parlerò: da nove mesi sono disonorato”, a questo punto rivelata anche l’ammissione: “Non ho detto tutto”.

Una versione che sembra essere confermata anche dal fratellino di Saman Abbas durante l’incidente probatorio: “Urlava, le hanno tappato la bocca”. Frasi che risultano tetre anche rispetto al ritrovamento di un cadavere che dovrebbe essere quello della ragazza pakistana. I Ris di Parma si sono recati sul posto per esaminare questo ritrovamento avvenuto ad alcune centinaia di metri dalla casa dove viveva la famiglia della 18enne pakistana. A trovare i resti durante un sopralluogo sono stati i carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Reggio Emilia che hanno raggiunto la zona insieme a quelli della Compagnia di Guastalla.

Leggi anche: “Chi è il papà di Saman”. Arrestato in Pakistan, la prima foto del padre della ragazza scomparsa da Novellara

saman abbas scomparsa


Saman Abbas, resti umani in un casolare: “Non sono in un sacco”

Nel frattempo vengono fuori altri dettagli terribili sul ritrovamento del corpo. A parlare è Barbara Iannuccelli, avvocato dell’Associazione Penelope, che si è costituita parte civile nel processo per l’omicidio di Saman Abbas: “Il corpo c’è, è nella buca non è in un sacco nero, come si era pensato all’inizio. Sembra intero. Ci vorranno almeno due settimane, nel caso peggiore, per recuperarlo”.

saman abbas scomparsa zio danish

Il legale ha spiegato a Chi l’ha visto?, nella puntata andata in onda su Rai3 mercoledì 23 novembre, che il recupero dei resti “sarà difficile e delicato, anche perché il tetto della struttura è pericolante. Se il corpo fosse stato in un sacco, sarebbe stato più facile. C’è un archeologo che è stato nominato e che procederà pian piano all’escavazione. Il terreno per altro in quel punto è molto argilloso”. Da diverse ore sono iniziate le operazioni di recupero dei resti ritrovati all’interno di un rudere a Novellara e si suppone possano appartenere a Saman Abbas.

saman abbas cadavere trovato casolare
saman abbas cadavere trovato casolare

La prima parte del sopralluogo è stato effettuato alla presenza dell’anatomopatologa Cristina Cattaneo, già nota per aver lavorato a importanti casi come quello di Yara Gambirasio, e dell’archeologo forense Dominic Salsarola, i due periti nominati dalla Corte d’Assise. Infine il luogo dove sarebbe stata sepolta la 18enne pakistana Saman Abbas sarebbe stato indicato dallo zio Danish che viene ritenuto l’esecutore materiale dell’omicidio.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004