Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Giorgio Mulé contro Antonio Tajani

Governo Meloni, scontro su Antonio Tajani: “Dimissioni”

  • Italia

Il nuovo governo targato Giorgia Meloni è ufficialmente partito domenica 23 ottobre con il rituale del passaggio della campana con il premier uscente Mario Draghi, a fronte di consultazioni record (l’incarico e la lista dei ministri erano arrivati sabato) però restano nodi insoluti a cominciare dal rapporto con Silvio Berlusconi e Forza Italia. A spiegare cosa sta succedendo, accendendo poi un focus sulle fazioni interne a Forza Italia, è il vice presidente delle Camera Giorgio Mulè che a Repubblica ha dipinto un quadro foschissimo. Intanto, nella giornata di ieri, Giorgia Meloni ha avuto il suo primo incontro ufficiale internazionale da premier.


A Roma è sceso il presidente francese Macron. “Il Presidente del Consiglio Giorgia Meloni ha avuto con il Presidente Macron un incontro lungo e franco, nel quale si è parlato delle sfide principali che l’Europa affronta: energia, crisi internazionale, catene del valore, sovranità alimentare, geopolitica, contrasto all’immigrazione irregolare”, riferiscono fonti ad Adnkronos.

Leggi anche: Governo Meloni, l’avviso di Draghi sui dossier scottanti

Giorgio Mulè contro Antonio Tajani


Giorgio Mulè (FI) contro Antonio Tajani: “Si dimetta da coordinatore”


E ancora: “Ci sono molti dossier che necessitano di una collaborazione e l’Italia sarà disponibile a lavorare con tutti per difendere gli interessi italiani e costruire un’Europa più efficace nel dare risposte alle grandi questioni strategiche – si sottolinea – Non vi sono tracce, invece, nel l’incontro di ieri, di riferimento alcuno a ipotesi di vigilanza straniera sulla democrazia italiana, come invece riportato da alcuni organi di stampa”.

Giorgio Mulè contro Antonio Tajani


Insomma, un atteggiamento amichevole e rilassato ‘tra rappresentanti di popoli amici’ del tutto diverso da quello che Giorgia Meloni rischia di trovare in casa. Dice Mulè a Repubblica: “L’atteggiamento della premier ci ha causato disappunto. Un disappunto esternato dallo stesso Berlusconi, quando ha posto la questione del condizionale e non dell’imperativo da usare nel dialogo fra alleati”.

Giorgio Mulè contro Antonio Tajani


Mulè non si ferma qui: “I gruppi di FI saranno i guardiani dell’attuazione di un programma che costringe sì a dare risposta alle emergenze – bollette e inflazione – ma che deve muoversi subito anche su un binario riformista. Non ci esimeremo dal sollecitare la riforma della giustizia civile e penale, la separazione delle carriere, nuove norme del Csm, delegificazione. Non sono priorità di FI, ma di tutto il centrodestra: è giusto tenerlo a mente”. Frecciata infine al neo ministro degli esteri Antonio Tajani: “Al ruolo di coordinatore nazionale somma quelli di ministro, vicepremier e probabilmente di capodelegazione di FI. Deve fare una scelta”.

Ginevra, la figlia di Giorgia Meloni al giuramento del Governo: le foto con papà Andrea


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004