Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
lando buzzanca eredità

“A chi spetta l’eredità”. Lando Buzzanca, un giorno dopo la morte è già scoppiata la guerra

  • Italia

Lando Buzzanca, si parla di eredità. Il popolare attore si è spento nella giornata di ieri, domenica 18 dicembre, all’età di 87 anni. Nato a Palermo in una famiglia di attori fu scelto giovanissimo come comparsa per il kolossal Ben Hur (1959) nella parte di uno degli schiavi al remo della galea. Poi nel 1961 Pietro Germi lo volle nella parte di Rosario Mulè in Divorzio all’italiana (1961). Negli ultimi tempi le sue condizioni di salute erano notevolmente peggiorate.

Inoltre sul suo stato di salute si era innescata una furiosa polemica tra la compagna Francesca Della Valle, sostenuta dal medico personale dell’attore, e il figlio Massimiliano. Proprio quest’ultimo aveva raccontato: “Negli ultimi giorni era più affaticato, come se non avesse più forze. Ieri quasi si stava per alzare dal letto, come se mi volesse salutare, come se mi avesse riconosciuto. Sembrava volermi dire qualcosa. Gli ho detto “Papà stai fermo, stai seduto. Secondo te tra noi c’è bisogno di parlare?”. Gli ho fatto una carezza e l’ho lasciato dormire”. E domenica purtroppo la triste notizia.

Leggi anche: “Perché è morto”. Lando Buzzanca choc, arriva la denuncia pubblica della compagna

lando buzzanca eredità


Lando Buzzanca, l’accusa della compagna e le parole del figlio

La compagna di Lando Buzzanca ha lanciato in queste ore una durissima accusa: “Lando è stato ammazzato e voi, pubblico onesto, lo sapete. Era pericoloso, ormai! L’applicazione della legge 6/04, voluta dalla famiglia “amorevole”, lo ha condotto in un Hospice, luogo di morte. Io non mi fermo, non temete! Continuerò perché sia fatta giustizia. Lo devo a Lando, lo devo agli 800 mila amministrati, lo devo al suo pubblico”. Recentemente, però, il figlio ha voluto fare chiarezza.

lando buzzanca eredità

I figli hanno annunciato una querela nei confronti della donna. “Una sentenza ha stabilito che lei non ha alcun diritto nei confronti di nostro padre”, ha spiegato il figlio di Lando Buzzanca, Massimiliano. Che a Storie Italiane, subito dopo la morte, ha dichiarato: “Papà non ci riconosceva più da mesi ma credo abbia avuto un moto di riconoscimento sabato e credo, e spero, mi abbia riconosciuto quando lo abbiamo trasportato qui a Villa Speranza dal Gemelli”.

“Poco prima che arrivasse la lettiga stava “lallando” – le parole di Massimiliano Buzzanca – non si capiva quello che diceva. A un certo punto mi ha guardato e mi ha detto tre volte “ti amo”. Che per un uomo che non ha mai detto ti amo nemmeno alla propria moglie, mi è sembrato strano. Non ho capito se quel “ti amo” fosse un ti voglio bene perché mi aveva riconosciuto. Io da figlio spero e credo di sì. Non si sa realmente cosa mi volesse dire, io credo e spero che mi volesse dire ti voglio bene. Ma lo sa soltanto lui quello che mi ha detto”.

“Poteva essere salvato”. Lutto nel cinema, morto il famoso attore italiano. L’atroce dubbio della compagna


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004