Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“Che brutta notizia”. Lutto nel giornalismo italiano, addio a una delle migliori firme del settore

  • Costume

Lutto nel mondo del giornalismo italiano. A 76 anni è morta Giusi Ferré, grande esperta di moda e costume. Nata a Milano e milanese doc, è nata i 16 dicembre del 1946 ed ha subito iniziato a lavorare nel mondo della moda. Rossa di capelli, amava vestire di nero, il suo colore preferito. Ha allevato una generazione di giornalisti di moda e di costume. Curava la rubrica settimanale su Io Donna “Buccia di banana”, che è anche il titolo del suo libro più noto. Ha fatto parte della giuria del programma Italia’s Next Top Model.

Sul Corriere si legge: “La più grande di tre figli, era imparentata con Oreste Speciani, il noto nutrizionista milanese e anche con Gianfranco Ferré, di cui negava la parentela, ma con cui aveva un legame fortissimo. Mai piegata all’uso del computer, ha continuato fino alla fine ad usare la macchina da scrivere, che maneggiava con grande velocità, usando solo due dita”.

lutto mondo giornalismo morta giusi ferrè


Giusi Ferrè ha iniziato la sua carriera lavorando per l’Epoca e poi per Linea Italiana e Linea Sport, diretti da Fabrizio Pasquero. Quindi fu presa all’Europeo ed è sua la prima intervista a Miuccia Prada nel periodo in cui Karl Lagerfeld dichiarò che avrebbe voluto inventare lui la borsa di nylon con le catene della Chanel. Abilissima a cogliere in ogni racconto il dettaglio più curioso, in quella intervista era riuscita a far ricordare a Miuccia Prada di quando il padre le portava in America a bordo del transatlantico vestendole di nero, perché in caso di naufragio non sarebbero state divorate dai pescecani.

lutto mondo giornalismo morta giusi ferrè

“Giusi Ferré ha raccontato Giorgio Armani, l’uomo e le rivoluzionarie idee sullo stile femminile, nel libro “Giorgio Armani, il sesso radicale” – scrive il Corriere -. E allo stilista è rimasta legata nel tempo firmando molte interviste al maestro della moda italiana. Aveva trasformato la sua severità in ironia pungente, senza mai scendere a compromessi in fatto di cultura, ripetendo con la sua erre moscia che ‘per scrivere un pezzo al giorno bisogna scrivere almeno un libro al giorno’”.

lutto mondo giornalismo morta giusi ferrè
lutto mondo giornalismo morta giusi ferrè

Con la sua iconica testa rossa e i suoi outfit neri è stata una decana del giornalismo della moda italiana che non si è mai piegata al sistema. Tra le sue opere Timberlandia (1987), Alberta Ferretti: lusso, calma, leggerezza (1998), Gianfranco Ferré: la poesia del progetto (1998), Gianfranco Ferré: itinerario (1999), Now and…Moncler 1952-2002 (2002) e Buccia di Banana: lo stile e l’eleganza dalla A alla Z.

Lutto nella moda italiana, è morto all’improvviso. Lo aspettavano a lavoro ma non è mai arrivato