Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
guerra ucraina

Guerra Russia-Ucraina, cosa fanno sapere da Mosca: “Possibile questo compromesso”

Guerra Ucraina-Russia, la buona notizia da Mosca. Ventunesimo giorno di guerra e attesa per un nuovo round di colloqui con la speranza di una soluzione diplomatica alla crisi, dopo che Kiev ha rinunciato alla Nato. Durante i colloqui di pace si sta parlando della possibilità di un’Ucraina neutrale. Lo ha sottolineato il capo della delegazione russa, Vladimir Medinsky, secondo cui l’Ucraina potrebbe essere uno “Stato neutrale”, ma con un proprio esercito e proprie forze navali.

Secondo quanto espresso da Zelensky le trattative potrebbero portare a una soluzione. Sesto round di colloqui che pare essere andati “abbastanza bene”: “La conversazione con il premier israeliano Bennett è stata importante nello sforzo per porre fine alla guerra con una pace giusta”, ha aggiunto.

Guerra Ucraina Russia Kiev neutralità notizia Mosca


iversi aspetti da affrontare tra cui in primis lo status neutrale di Kiev e le richieste garanzie di sicurezza che “stanno per essere concordati”. Lo avrebbe annunciato il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov. Al contempo si apprende da Iryna Venediktova, procuratrice generale dell’Ucraina, che 103 bambini sono stati uccisi dall’inizio dell’invasione russa.

Guerra Ucraina Russia Kiev neutralità notizia Mosca

Un bilancio drammatico e la fine di un conflitto più che auspicata. Ma sul “compromesso” in merito alla neutralità dell’Ucraina secondo il modello svedese o austriaco, che secondo quando annunciato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov come “un’opzione che viene discussa ora e che può essere considerata un compromesso”, il presidente ucraino Zelensky assume una posizione: l’Ucraina rifiuta l’idea di un modello austriaco o svedese di neutralità del Paese e vuole garanzie di sicurezza.

Guerra Ucraina Russia Kiev neutralità notizia Mosca
Guerra Ucraina Russia Kiev neutralità notizia Mosca

“L’Ucraina ha già lo status di neutralità. È stato sui termini della neutralità che l’Ucraina si è ritirata dall’Unione Sovietica nel 1991, e lo status di neutralità è affermato nella dichiarazione di sovranità ucraina“: lo ha detto ha detto il capo della delegazione russa ai negoziati, Vladimir Medinsky, citato da Interfax. “Chiaramente, la questione chiave per noi è lo status della Crimea e del Donbass, così come una serie di questioni umanitarie, i diritti della popolazione russofona, lo status della lingua russa”, ha aggiunto.