Nadia Toffa, il momento tanto atteso è arrivato. La grande commozione di mamma Margherita

Se ne è andata il 13 agosto 2019 dopo una malattia contro la quale ha lottato per 2 anni: Nadia Toffa aveva appena compiuto 40 anni ed è venuta a mancare per un tumore cerebrale. La giornalista e conduttrice de Le Iene aveva scoperto di essere malata dopo un malore che aveva avuto a Trieste, mentre girava un servizio per Le Iene. Quel malore, in realtà, nascondeva qualcosa di più: era un tumore. Per un po’ Nadia è stata lontana dalla tv poi, quando è tornata, ha raccontato tutto.

Ha raccontato di essere malata, di essere stata operata, tutto. I suoi colleghi, che non ne sapevano nulla, sono rimasti senza parole. Nadia ha lottato strenuamente contro quel male, ha documentato le sue cure, il suo dolore, la sua battaglia sui social facendo coraggio a tante persone che si trovavano e si trovano nella sua stessa situazione. Ma non ce l’ha fatta. Il tumore ha vinto. E lei se ne è andata. Ma ha lasciato tanto, su questa terra. Continua a leggere dopo la foto


Nadia Toffa era una che si batteva per la giustizia, che stava dalla parte dei più deboli e lottava per un mondo più giusto. Nadia Toffa resterà per sempre nel cuore di tanta gente. Anche se non c’è più, Nadia vive ancora. Nel cuore di chi l’ha amata e stimata. Per ricordare una donna che meritava di vivere più a lungo e che ha fatto della ricerca della giustizia la sua ragione di vita, i genitori e le sorelle di Nadia hanno deciso di creare una fondazione in sua memoria. Continua a leggere dopo la foto

La Fondazione Nadia Toffa è stata presentata ufficialmente nella giornata di martedì 3 dicembre 2019, alla presenza della madre Margherita Rebuffoni. La prima attività prevista dalla Fondazione è un evento che si terrà a giugno e che ha come obiettivo quello di raccogliere fondi per la ricerca contro il cancro. La Fondazione Nadia Toffa si occuperà anche di impegno sociale, medico e ambientalista. “In vita sua si è sempre battuta in favore delle voci non ascoltate“, ha spiegato la madre. Continua a leggere dopo la foto

{loadposition intext}

“Ha sempre voluto dare un aiuto concreto nel portare alla luce situazioni ai margini. È con questo spirito che proseguiremo il suo lavoro. Non avrei mai immaginato di ricevere per questo tanto sostegno”. La pagina ufficiale della Fondazione Nadia Toffa è già attiva e, come si legge nel comunicato ufficiale promette di “dare un aiuto effettivo a chi ogni giorno lotta per la propria salute. Per la vita delle persone deboli e indifese, per i valori di solidarietà e verità nei quali Nadia ha sempre creduto”.

“Nel nome di Nadia Toffa”. A tre mesi dalla morte, la lodevole decisione della famiglia