Mirrorcube, una stanza in mezzo alla foresta

Chi non ha mai sognato di vivere in una casa sull’albero? Ideato dai due architetti Bolle Tham e Martin VidegardMirrorcube è un cubo interamente rivestito di specchi e fa parte di una serie di stanze sospese fra gli alberi dell’albergo Treehotel,  l’ideale  per chi vuole vivere per una notte l’emozione del contatto diretto con la natura selvaggia. Mimetizzata tra gli alberi della foresta svedese, a 50 chilometri dal circolo polare artico, la stanza di 4x4x4 metri ha una base costituita da un telaio in alluminio attorno al tronco di un albero ed è  sospesa a 6 metri da terra. Le pareti in vetro a specchio, che riflettono il paesaggio circostante, rendono quasi invisibile la costruzione tanto che si è reso necessario coprirle con una pellicola agli ultravioletti non percepibile dall’occhio umano, ma indispensabile per renderle  individuabili da parte degli uccelli.