Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Televisione in lutto, addio all’attore di tante serie di successo

Lutto nel mondo della tv. Aveva 96 anni ed aveva recitato in serie di grande successo come Gli eroi di Hogan e per aver partecipato ad alcune soap come Febbre d’amore, Il tempo della nostra vita e Beautiful. L’annuncio è stato dato dalla nipote: era un attore e un cantante e aveva trascorso 31 mesi in un campo di concentramento nazista. Il cinema piange la scomparsa di Robert Clary: è deceduto ieri mattina, mercoledì 16 novembre, nella sua casa di Los Angeles. È stata sua nipote Kim Wright a dare l’annuncio della sua scomparsa.

Robert Clary era il più giovane di 14 figli di una rigida famiglia ebrea ortodossa. In molti lo ricordano per la sua interpretazione del caporale Louis LeBeau nella serie tv Gli eroi di Hogan che andò in onda stagioni sulla rete Cbs dal settembre 1965 all’aprile 1971, narra in chiave ironica la vita di tutti i giorni di un gruppo di prigionieri di guerra in un campo di concentramento nazista durante la seconda guerra mondiale. Il protagonista principale è Bob Crane nel ruolo del colonnello Robert E. Hogan, un americano che guida un gruppo internazionale di prigionieri di guerra in un’operazione per sconfiggere i nazisti dall’interno dello Stalag 13.

Leggi anche: Lutto nel mondo del cinema: “È morto in aeroporto”

morto robert clary


Robert Clary è morto: l’attore francese aveva 96 anni

Robert Clary è stato prigioniero per 31 mesi in un campo di concentramento nazista. Come scrive l’agenzia Adn Kronos, lui e la sua famiglia furono deportati dai nazisti e trasferiti ad Auschwitz. I genitori di Clary furono assassinati nelle camere a gas lo stesso giorno in cui arrivarono nel lager. Clary rimase nei campi nazisti, compreso Buchenwald, per 31 mesi (lavorava in una fabbrica che produceva 4.000 tacchi di legno ogni giorno) e fu tatuato con l’identificazione ‘A-5714’ sull’avambraccio sinistro. Fu l’unico della sua famiglia catturata a uscirne vivo.

morto robert clary

“Ho dovuto spiegare che Gli eroi di Hogan parlava di prigionieri di guerra in uno Stalag e non di un campo di sterminio e anche se non volevo sminuire ciò che i soldati hanno attraversato durante i loro internamenti, era come notte e giorno da ciò che la gente sopportava nei campi di sterminio”, ha scritto nel suo libro di memorie “From the Holocaust to Hogan’s Heroes”.

morto robert clary

Clary ha scelto di non parlare della sua esperienza dell’Olocausto per quasi quattro decenni. “Per 36 anni ho tenuto queste esperienze durante la guerra rinchiuse dentro di me”, ha detto una volta in un’intervista. “Ma coloro che stanno tentando di negare l’Olocausto, la mia sofferenza e la sofferenza di milioni di altri mi hanno costretto a parlare”. Clary ha lavorato a stretto contatto con il Simon Wiesenthal Center di Los Angeles, parlando dell’Olocausto nelle università di tutto il paese per più di due decenni.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004